Una dieta ricca di proteine può aumentare leggermente il rischio di insufficienza cardiaca

high-protein-diet-may-slightly-increase-heart-failure-risk-696x181

Una dieta ricca di proteine ​​può aumentare leggermente il rischio di sviluppare l’insufficienza cardiaca negli uomini di mezza età. Includere la giusta scelta di fonti proteiche nella dieta può ridurre il rischio di insufficienza cardiaca.

‘Una dieta ricca di proteine ​​può aumentare leggermente il rischio di sviluppare insufficienza cardiaca negli uomini di mezza età’, riporta un nuovo studio pubblicato su Circulation: Heart Failure.

“Poiché molte persone sembrano dare per scontato i benefici per la salute delle diete proteiche, è importante chiarire i possibili rischi e benefici di queste diete”, ha affermato Jyrki Virtanen, Ph.D., autore dello studio e Professore di epidemiologia nutrizionale presso l’Università della Finlandia orientale a Kuopio. Gli alimenti ricchi di proteine ​​soprattutto da fonti animali hanno dimostrato di aumentare il rischio di diabete di tipo 2 e persino la morte, come suggerito in studi precedenti.

‘L’adozione di una dieta ricca di proteine ​​può aumentare leggermente il rischio di sviluppare insufficienza cardiaca negli uomini di mezza età e può ridurre l’aspettativa di vita. Pertanto, una dieta sana con la giusta scelta di fonti proteiche può ridurre il rischio di insufficienza cardiaca”.

Secondo l’American Heart Association, uno su cinque americani di età pari o superiore a 40 anni svilupperà insufficienza cardiaca, una condizione in cui il corpo non è in grado di pompare sangue e ossigeno a sufficienza per rimanere in salute. L’insufficienza cardiaca riduce l’aspettativa di vita di una persona. Pertanto, una dieta sana e adeguate modifiche dello stile di vita svolgono un ruolo significativo per ridurre il rischio di insufficienza cardiaca.

Dettagli dello studio

I partecipanti allo studio erano 2.441 uomini con età compresa tra 42 e 60 anni. Il team di ricerca ha condotto un follow-up dei partecipanti per una media di 22 anni. Il team di ricerca ha diviso i partecipanti allo studio in quattro gruppi in base al loro consumo giornaliero di proteine:

  • tutte le fonti di proteine
  • proteine ​​animali
  • proteine ​​del latte
  • proteine ​​vegetali

Risultati dello studio

Dal follow-up dello studio, circa 334 casi sono stati diagnosticati con insufficienza cardiaca. È stato notato che il 70 percento delle proteine ​​consumate proveniva da fonti animali e il 27,7 percento da fonti vegetali. Ciò dimostra che un maggiore apporto di proteine ​​dalla maggior parte delle fonti alimentari era associato a un rischio leggermente più elevato. Il team di ricerca ha osservato che le proteine ​​di pesce e uova non erano associate al rischio di insufficienza cardiaca in questo studio.

Lo studio ha rilevato che il rischio di insufficienza cardiaca era:

  • 33 percento in più per tutte le fonti di proteine
  • 43 percento in più per le proteine ​​animali
  • 49 percento in più per le proteine ​​del latte
  • 17 percento in più per le proteine ​​vegetali

Lo studio è uno dei primi a riferire sull’associazione tra proteine ​​alimentari e rischio di insufficienza cardiaca. “Lo studio richiede ulteriori studi di supporto sull’opportunità di moderare l’assunzione di proteine ​​nella prevenzione dell’insufficienza cardiaca”, ha affermato Heli EK Virtanen, M.Sc., primo autore dello studio, Ph.D. studente e ricercatore all’Università della Finlandia orientale a Kuopio.

“Interventi a lungo termine che confrontano le diete con le composizioni proteiche differenziali e enfatizzano le fonti proteiche differenziali sarebbero importanti per rivelare i possibili effetti dell’assunzione di proteine ​​sui fattori di rischio di insufficienza cardiaca. Ulteriori ricerche sono necessarie anche in altre popolazioni”.

Al fine di ridurre il rischio, l’American Heart Association suggerisce un modello dietetico che include una maggiore assunzione di:

  • una varietà di frutta e verdura
  • cereali integrali
  • latticini a basso contenuto di grassi
  • pollame
  • pesce
  • fagioli
  • oli vegetali non tropicali
  • noccioline

Assunzione limitata di:

  • dolci
  • bevande zuccherate
  • carni rosse

Fonte: Circulation