Sei vegano? L’assicurazione ti costa meno della metà

vita-vegana-500x327

 

Scegliere uno stile di vita etico e salutare sembrerebbe essere un vantaggio non solo per il corpo e per l’ambiente, ma anche per le tasche. Da pochi giorni, per i fortunati cittadini australiani, essere vegetariani o vegani equivale ad avere uno sconto del 20% sulla polizza assicurativa. La compagnia assicurativa Make A Difference Insurance, ha  deciso di offrire un premio a chi ha scelto di condurre una vita veg. Gli sconti variano tra i 300 e i 675 dollari, ma c’è un pericolo, molte persone potrebbero fingersi veg solo per poter usufruire dell’offerta assicurativa.

Brian Jones, direttore della compagnia, ha dichiarato:

“Ci sono oggi a disposizione prove scientifiche che dimostrano come, una dieta vegetariana o vegana, riesca a conferire una salute migliore e un minor rischio di contrarre malattie quali infarto, cancro, ipertensione, osteoporosi, ictus, obesità, diabete e problemi renali.  Mangiare veg non è solo una scelta salutare, ma nasce prima di tutto come una decisione etica”.

Questa è la storia di persone che hanno scelto di rispettare la natura, gli animali e l’intero pianeta terra, vivendo esclusivamente con prodotti a impatto zero, nutrendosi solo con alimenti vegetali senza mai provocare alcuna sofferenza. Tema altrettanto vicino a questa filosofia di vita è la salvaguardia ambientale. Secondo la Vegan Society, prima associazione al mondo vegan fondata nel 1944 da Donald Watson, con un’alimentazione senza ingredienti animali si ridurrebbe di 1,5 tonnellate l’emissione di gas serra a persona. La parte economica rimane però il tema caldo. Molti sono coloro che hanno scelto l’autoproduzione di frutta e verdura per sconfiggere la crisi e per assicurarsi prodotti 100% biologici. Secondo i dati Eurispes 2013 in Italia sono 3.720.000 i vegetariani, il 6% della popolazione, di cui 600.000 vegani, l’1,1%. Uno stile di vita, insomma, in continua espansione.  Chissà se altri Paesi prenderanno come esempio la compagnia australiana decidendo di premiare chi sceglie di vivere una vita veg.

Fonte: buonenotizie.it