Saltare la colazione sconvolge i “geni dell’orologio circadiano” che regolano il peso corporeo

bodyclock-600x600

Le abitudini alimentari irregolari come saltare la colazione sono spesso associate all’obesità, al diabete di tipo 2, all’ipertensione e alle malattie cardiovascolari, ma l’impatto preciso dei tempi dell’orologio interno del corpo sui pasti, è meno chiaro. Un nuovo studio dell’Università di Tel Aviv ha identifictoa l’effetto della colazione sull’espressione dei ” geni dell’orologio ” che regolano le risposte di glucosio e insulina post-pasto sia degli individui sani che dei diabetici.

L’importanza dell’orologio interno del corpo e l’impatto dei pasti sul corpo sono stati oggetto del Premio Nobel per la Medicina di quest’anno, assegnato per la scoperta di meccanismi molecolari che controllano il nostro ritmo circadiano.

Questo studio è stato condotto dalla prof.ssa Daniela Jakubowicz della Sackler Faculty of Medicine della TAU e dalla Diabetes Unit del Wolfson Medical Center. È stato condotto in collaborazione con il Prof. Julio Wainstein e il Dr. Zohar Landau della Facoltà di Medicina Sackler della TAU e dall’Unità per il Diabete del Centro Medico Wolfson, con il Prof. Itamar Raz e dal Prof. Oren Froy della Hebrew University di Gerusalemme e con il Prof. Bo Ahrén dell’Università di Lund in Svezia.

Lo studio è stato recentemente pubblicato su Diabetes Care.

“Il nostro studio dimostra che il consumo della colazione innesca la corretta espressione del gene dell’ orologio ciclico che porta a un miglioramento del controllo glicemico”, dice il Professor Jakubowicz. “Il gene dell’orologio circadiano regola non solo i cambiamenti circadiani del metabolismo del glucosio, ma regola anche il peso corporeo, la pressione sanguigna, la funzione endoteliale e l’aterosclerosi”.

“Il giusto orario dei pasti, come consumare la colazione prima delle 9:30 AM, potrebbe portare a un miglioramento dell’intero metabolismo del corpo, facilitare la perdita di peso e ritardare le complicazioni associate al diabete di tipo 2 e ad altri disturbi legati all’età”.

Per lo studio, 18 volontari sani e 18 volontari obesi con diabete hanno preso parte a una giornata di test con colazione e pranzo e a una giornata di test con solo pranzo. In entrambi i giorni, i ricercatori hanno condotto analisi del sangue sui partecipanti per misurare l’espressione genica del loro orologio postprandiale, glucosio plasmatico, insulina e peptide-1 intatto come glucagone-1 (iGLP-1) e dipeptidil peptidasi IV (DPP-IV).

“Il nostro studio ha dimostrato che il consumo della colazione innesca la corretta espressione del gene che regola l’orologio ciclico e che porta a un miglioramento del controllo glicemico”, afferma il Prof. Jakubowicz. “Sia negli individui sani che nei diabetici, il consumo della colazione ha acutamente migliorato l’espressione di specifici geni dell’orologio legati a una perdita di peso più efficiente ed è stato associato a un miglioramento dei livelli di glucosio e di insulina dopo pranzo”.

Al contrario, nei giorni di prova che prevedevano solo il pranzo (quando i partecipanti saltavano la colazione), i geni dell’orologio correlati alla perdita di peso erano scarsamente regolati, portando a picchi di zucchero nel sangue e a scarse risposte all’insulina per il resto della giornata, suggerendo anche che saltare la colazione porta ad un guadagnio di peso anche senza l’incidenza di consumo eccessivo di cibo durante resto della giornata.

“Il fatto che possiamo cambiare l’espressione del gene in sole quattro ore è davvero impressionante”, afferma il Prof. Jakubowicz. I ricercatori stanno attualmente conducendo uno studio a lungo termine che confronta l’effetto dei diversi programmi di temporizzazione dei pasti sull’espressione genica dell’orologio corporeo, sul bilancio del glucosio e sulla perdita di peso nel tempo.

Fonte: Medicalxpress