Procianidine dei semi d’uva prevengono l’invecchiamento

semi-di-uva-benefici

Procianidine- Un trattamento con le procianidine dei semi d’uva di dieci giorni, può prevenire alcuni processi di invecchiamento secondo un nuovo studio dei ricercatori del Department of Biochemistry and Biotechnology, Universitat Rovira in Spagna. L’omeostasi adattativa è un processo altamente conservato in base al quale cellule, tessuti e interi organismi attivano transitoriamente varie vie di segnalazione in risposta a lievi perturbazioni interne o esterne a breve termine, determinando così cambiamenti transitori nell’espressione genica e resistenza allo stress. Ci sono molte prove che suggeriscono che l’omeostasi adattativa diminuisce con l’età. In effetti, l’invecchiamento è associato a un duplice impatto dannoso sull’omeostasi adattativa. Lo squilibrio metabolico è uno dei “sette pilastri” considerati tra i meccanismi di base associati alle patologie legate all’età. Poiché il metabolismo del glucosio gioca un ruolo chiave nella gestione energetica dell’intero organismo, la sua disregolazione con l’invecchiamento influisce su diversi aspetti metabolici. I cambiamenti dell’età nella produzione di glucosio epatico e la sensibilità all’insulina periferica sembrano essere più strettamente correlati ai cambiamenti nella composizione corporea che al processo di invecchiamento stesso. Infatti, il cuscinetto adiposo intra-addominale o viscerale mostra il più alto rischio di associazione a diabete mellito, ipertensione, aterosclerosi, dislipidemia, tumori e mortalità rispetto all’obesità perifericaI polifenoli sono un ampio spettro di strutture ampiamente presenti in frutta e verdura e prodotti derivati ​​e anche in bevande come cioccolato, tè verde, caffè e vinoÈ stato dimostrato che proteggono dalla maggior parte delle patologie legate all’età come cancro, ipertensione, sarcopenia, neurodegenerazione, osteoporosi e formazione della cataratta. Un gruppo di questi polifenoli sono le procianidine derivate dai semi d’uva (GSPE), che includono diversi flavanoli, procianidine e alcuni acidi fenolici. Sono stati ampiamente studiati come agenti antiobesogeni e antidiabetici, come protettivi contro gli indici aterogenici e l’insufficienza renale e come agenti anti-cancro.

Tuttavia, la loro efficacia sui processi di invecchiamento del metabolismo non è stata dimostrata.

I ricercatori hanno precedentemente dimostrato che alcune dosi di procianidine agiscono come agenti sazianti in ratti giovani sani, limitando il loro aumento di peso corporeo e l’adiposità tra le altre proprietà efficaci contro la sindrome metabolica. Infatti, i ricercatori hanno dimostrato che i loro effetti sul peso corporeo e sull’adiposità continuano a lungo termine una volta che è terminata la loro somministrazione. Considerando questi effetti benefici di GSPE e l’evidenza che la restrizione dietetica ha dimostrato di prolungare la durata della vita, i ricercatori hanno ipotizzato che le dosi di GSPE con proprietà sazianti possano essere benefiche nel contrastare la perdita di buffering nell’organismo indotta dall’invecchiamento.

Hanno validato questa ipotesi dopo un trattamento orale GSPE di 10 giorni in ratti anziani e l’osservazuine dei rsultati antietà a lungo termine, concentrando il loro studio sul peso corporeo e sul metabolismo.

Spiegano gli autori:

“Tutto sommato, questo pretrattamento GSPE ha prodotto un effetto a lungo termine vicino a uno stato di restrizione calorica nei ratti. È stato anche osservato il suo effetto preventivo contro la tumorigenesi. La restrizione calorica previene la tumorigenesi diminuendo il tasso metabolico e il danno ossidativo. In questo studio abbiamo trovato tumori spontanei nel 46,2% dei ratti di 25 mesi alla fine dello studio, un valore che era inferiore al numero riportato di tumori associati all’età sui ratti Wistar femmina. Con la dimensione del campione utilizzata in questo studio, il trattamento GSPE ha mostrato una tendenza verso una ridotta incidenza di tumori sui ratti trattati con GSPE PRE del 9,1%. Sarebbe necessaria una dimensione del campione più grande per dimostrare appieno questo effetto. In relazione alle possibili ragioni che implicano la restrizione calorica, l’effetto di soppressione del tumore GSPE può essere spiegato dalla sua modulazione di geni antiproliferativi e proapoptotici come il fattore di soppressione del tumore p53 e NF-κβ osservati in diverse linee di cellule cancerose, le loro proprietà antinfiammatorie e antiossidanti”.

Conclusioni

Possiamo concludere che le procianidine derivate dai semi d’uva(GSPE) hanno mostrato proprietà interessanti sui ratti di 21 mesi. Hanno agito per limitare l’assunzione di cibo con conseguente diminuzione del peso corporeo dopo il trattamento. Undici settimane dopo il trattamento, le GSPE hanno mantenuto i loro effetti sulla limitazione della crescita del tessuto adiposo viscerale, prevenuto l’aumento dell’indice HOMA-β e mantenuto un rapporto glucagone / insulina più alto insieme a una ridotta incidenza di tumori spontanei associati all’età. Alcuni di questi effetti potrebbero essere correlati al loro effetto mimetico di restrizione calorica.

Fonte: Nutrients