Perchè desideriamo il cibo anche quando non abbiamo fame

1227842_m-1080x675-1Immagine: Public Domain.
Le voglie di cibo sono familiari alla maggior parte delle persone. Questi desideri intensi si verificano anche quando non siamo affamati e può essere molto difficile resistere. Ci sono molte ragioni per cui possiamo “sentirci” affamati. La fame fisica nel nostro corpo è controllata da complessi segnali fisiologici che stimolano il nostro appetito e poi lo sopprimono dopo aver mangiato (noto come sazietà). Tuttavia, mangiare è molto più che rispondere a un bisogno biologico. C’è un altro sistema che ci spinge e ci motiva a consumare cibi ricchi di energia (calorie): il sistema di “ricompensa alimentare” del cervello. La natura gratificante del cibo può facilmente ignorare i nostri segnali di sazietà e minare seriamente la nostra capacità di resistere alla tentazione. Mangiare cibi deliziosi è intrinsecamente piacevole. Questo piacere anticipato è un potente motivatore della nostra assunzione di cibo. La vista e l’odore del cibo attirano la nostra attenzione e potremmo iniziare a pensare a quanto sarebbe bello mangiare. Ciò può provocare voglie e consumo di cibo. La ricerca ha persino dimostrato che ai cibi spazzatura, come gelato, patatine e biscotti, è particolarmente difficili resistere. Questi tipi di alimenti sono ricchi di grassi e / o zuccheri, il che li rende molto appetitosi e quindi desiderati. La ricompensa alimentare è sostenuta dalla complessa biologia del cervello, compreso il sistema oppioide endogeno e il sistema endocannabinoide, che hanno entrambi un ruolo nel “piacere” e nel “volere” del cibo (come il piacere di mangiare e la motivazione per ottenere cibo). Il nucleo accumbens (un’area del cervello che controlla la motivazione e la ricompensa) contiene siti di recettori degli oppioidi e dei cannabinoidi sovrapposti che, se stimolati, producono potenti effetti sul desiderio, sulla brama e sul piacere del cibo. In alcune persone, questi sistemi possono essere più attivi di altri, quindi la loro motivazione a mangiare è incredibilmente potente. Ad esempio, studi di imaging cerebrale hanno dimostrato che nelle persone che abitualmente bramano il cioccolato, c’è una maggiore attività nelle regioni di ricompensa del cervello quando vengono presentate loro delle immagini di cioccolato, rispetto alle persone che non sono amanti del cioccolato. Queste differenze individuali sono probabilmente dovute a una combinazione di fattori genetici e appresi che devono ancora essere pienamente compresi. Il sistema di ricompensa ci consente anche di formare associazioni tra l’essere in determinate situazioni e il consumo di cibi ipercalorici, come il desiderio di fish and chips quando siamo al mare o di popcorn al cinema. Il sistema di ricompensa alimentare è altamente efficiente nell’indirizzarci verso fonti di cibo e incoraggiarne il consumo e, per questo motivo, può facilmente ignorare i segnali di sazietà. Nel nostro passato evolutivo, quando eravamo cacciatori-raccoglitori, questo sistema sarebbe stato molto vantaggioso poiché dovevamo essere in grado di rilevare rapidamente le fonti di cibo e consumare elevate quantità di alimenti ricchi di energia quando disponibili. Questo consumo eccessivo opportunistico ci avrebbe protetto da futuri periodi di carestia e garantito la nostra sopravvivenza. Tuttavia, nella società moderna, la nostra motivazione naturale a cercare cibi ad alto contenuto energetico ci mette a rischio di aumento di peso. Gli ambienti dietetici moderni sono stati definiti “obesogenici” per l’ abbondanza di cibi ipercalorici, spesso a basso costo e serviti in porzioni abbondanti. Mantenere comportamenti alimentari sani in questo ambiente è incredibilmente difficile e richiede uno sforzo costante.
Voglie di cibo
In primo luogo, è importante capire che esistono potenti forze biologiche e psicologiche che ci motivano verso il cibo e che operano costantemente in un ambiente obesogenico. Non c’è niente di moralmente inferiore nel cedere alle voglie di cibo. La colpa e lo stigma intorno al mangiare e al peso sono noti per essere altamente dannosi e devono essere eliminati. Tuttavia, ci sono modi in cui possiamo tenere sotto controllo le nostre voglie. Le persone spesso seguono diete restrittive come un modo per gestire l’alimentazione e il peso. Tuttavia, la dieta può paradossalmente peggiorare le voglie di cibo. In uno studio, le persone a dieta hanno sperimentato forti voglie per gli stessi cibi che stavano cercando di limitare. L’evitare può rendere gli alimenti problematici ancora più importanti nella nostra mente e una volta che iniziamo a pensare a questi alimenti aumentano il desiderio e le voglie. Quindi, stabilire obiettivi realistici per l’alimentazione e la gestione del peso è probabilmente un approccio migliore. Il raggiungimento degli obiettivi aumenta la fiducia nella nostra capacità di avere successo e migliora l’umore, che a sua volta può aiutarci ad attenerci a schemi alimentari più sani. Al contrario, stabilire obiettivi non realistici ha l’effetto opposto. È anche importante identificare e gestire situazioni allettanti. Ad esempio, evitare del tutto la corsia dei dolci al supermercato può aiutare a prevenire le voglie e frenare gli acquisti d’impulso. Molte persone provano anche voglie e desiderio di mangiare in risposta all’umore. Pertanto, cercare di sviluppare strategie di coping alternative che non coinvolgano cibo e bevande (come andare a fare una passeggiata) può essere utile. Infine, distinguere tra segnali di fame fisica e voglie può anche aiutare a controllare l’assunzione di cibo. “Mangiare consapevolmente” implica prestare attenzione ai segnali di fame e sazietà e ha dimostrato di essere un’efficace strategia per perdere peso.
“Tutti possiamo, e dovremmo essere in grado, di divertirci a mangiare cibi gustosi. È solo importante ascoltare i segnali di sazietà del nostro corpo in modo da non esagerare”, dice Charlotte Hardman , Docente senior in Psicologia dell’appetito e dell’obesità, Università di Liverpool e Carl Roberts , Tenure Track Research Fellow, Università di Liverpool.
Fonte: LiverpoolUniversitynews