Perchè desideriamo cibi grassi quando siamo a dieta

poutine-ricetta-mindthetrip-980x653-768x512

Ti sei mai chiesto perché desideriamo proprio gli alimenti che cerchiamo di evitare quando facciamo la dieta?

Una dieta a base di alimenti densi di energia, caratterizzata principalmente da una dieta ricca di grassi, porta a un consumo eccessivo persistente definito come eccesso di cibo. Secondo il National Institute of Health, più di 2 adulti su 3 negli Stati Uniti sono sovrappeso o obesi, mettendo a dura prova il  sistema sanitario con proporzioni epidemiche.

I ricercatori della Medical Branch della University of Texas a Galveston hanno identificato nuovi circuiti cerebrali che potrebbero agire da freno al binge eating e al desiderio di cibo spazzatura.

Nei ratti alimentati per un mese con una dieta povera di grassi, i ricercatori hanno inibito con successo i comportamenti di ricerca di cibi grassi. 

I risultati dello studio sono attualmente disponibili in Behavioral Brain Research.

“In precedenza, abbiamo dimostrato che la modulazione del recettore 2 della neuromedina U (NMUR2) nel nucleo paraventricolare dell’ipotalamo(PVN) porta ad un aumento dell’assunzione di cibo e alla motivazione per cibi densi di energia. In questo studio continuiamo a concentrarci su NMUR2 nel PVN, ma in relazione all’effetto sul desiderio per alimenti ad alto contenuto di grassi. La brama di cibi ricchi di grassi e molti cibi spazzatura, è una parte importante dell’obesità e del consumo incontrollato di cibo”, ha affermato Jonathan Hommel, assistente Professore nel dipartimento di farmacologia e tossicologia.

“Quando si cerca di perdere peso, le persone spesso si sforzano di evitare cibi grassi. Paradossalmente, durante la dieta aumenta il desiderio di questi alimenti e questo desiderio può portare a mangiare troppo e ancora peggio, più a lungo ci si astiene da cibi grassi, maggiore è il desiderio”.

Diversi studi comportamentali hanno dimostrato che privarsi di determinati alimenti durante la dieta provoca un aumento della bramosia e della motivazione per quei cibi. Tuttavia, i meccanismi cerebrali che portano a questo tipo di eccesso di cibo non sono noti. A tal fine, i ricercatori dell’ UTMB hanno cercato di capire come il cervello guida questo comportamento potenzialmente dannoso.

Usando ratti che erano stati trattati con una dieta a basso contenuto di grassi per 30 giorni, la squadra dell’UTMB li ha addestrati a ottenere delizie grasse premendo una leva. Per misurare la brama e la motivazione, i ricercatori hanno continuato ad aumentare il numero di volte in cui i ratti avevano bisogno di premere la leva per ricevere il trattamento fino a quando il topo non ha rinunciato a provare.

Successivamente, metà dei ratti ha subito una procedura chirurgica che ha bloccato gli effetti di una sostanza chimica del cervello chiamata neuromedina U recettore 2 all’interno di una regione del cervello che regola l’assunzione di cibo. L’altra metà dei ratti non ha ricevuto questo trattamento.

Dopo il recupero chirurgico, i ricercatori hanno scoperto che i ratti che erano stati trattati non lavoravano altrettanto duramente per ottenere le prelibatezze grasse quanto le loro controparti inalterate.

“I nostri risultati sono solo il primo passo di un lungo processo e ora stiamo progettando di sviluppare nuovi farmaci per aiutare a frenare queste voglie”, ha detto Hommel. ” La nostra ricerca mette in luce alcune importanti caratteristiche del desiderio di cibo che possono aiutarci a trovare risoluzioni realistiche”.

Fonte, Science Direct