Occhi gialli, quali sono le cause? Un allarme per il corpo

Gli occhi gialli indicano che nell’organismo qualcosa non sta funzionando per il meglio, ecco da cosa dipendono

<> on March 25, 2009 in London, England.

Occhio

A volte basta guardare gli occhi di una persona e capire tutto. è una frase che ripetiamo di continuo ma che è assolutamente vera perché anche solo dagli occhi si può capire se una persona è felice o sta male. Anche solo guardando gli occhi alcune malattie o disturbi possono essere diagnosticati. Cosa ancora più importante quando si tratta di occhi gialli. La colorazione classica della sclera che è bianca diventa gialla e questo indica il sintomo di qualche patologia, non dell’occhio ma del fisico e nello specifico di qualche organo. Spesso insieme agli occhi anche la pelle può diventare gialla. In questo caso si tratta di ittero che solitamente indica problemi al fegato o ad organi che hanno a che fare con esso come epatiti, pancreatiti, tumore al fegato o al pancreas o anche cirrosi epatica. 

Occhi gialli, ecco da cosa dipendono

gettyimages-57366561

occhio (GettyImages)

Gli occhi gialli come abbiamo visto sono il sintomo di qualcosa di più grande e grave. Molte volte però dipendono da una condizione ereditaria, chiamata malattia di Gilbert che però non è grave perché in via generale non presenta sintomi. La sclera si colora di giallo, in questi casi, quando si assumono alcuni farmaci come il paracetamolo per lungo tempo oppure si fanno forzi fisici, si è sottoposti a stress o si segue del digiuno prolungato. Tutto questo succede a causa di un accumulo di bilirubina, una sostanza che si forma nei globuli rossi invecchiati che devono essere inglobati nel fegato. Se quest’ultimo funziona bene tutto il processo segue regolarmente, se invece l’organo ha alcuni problemi le scorie prodotte non vengono eliminate nel modo giusto e vengono così coinvolte altre parti del corpo come gli occhi e la pelle nei quali la bilirubina, di colore giallo si va depositare. In questi casi bisogna rivolgersi subito al medico.

Fonte: inran.it