Obesità: combattere il grasso con l’argilla

argilla-verde-ventilata-760x550

Mentre indagavano su come i materiali argillosi possono migliorare la consegna dei farmaci, i ricercatore UniSA e il dottorando Tahnee Dening, hanno  scoperto fortuitamente che i materiali di argilla che stavano usando avevano una capacità unica di “assorbire” le goccioline di grasso nell’intestino.

Dening dice che questa scoperta accidentale potrebbe potenzialmente portare ad una cura per l’obesità.

“È davvero sorprendente,” dice Dening. “Stavo studiando la capacità di materiali specificamente argillosi per migliorare la somministrazione orale e l’assorbimento di farmaci antipsicotici, quando ho notato che le particelle di argilla non si comportavano come mi aspettavo. Invece di abbattersi per rilasciare farmaci, i materiali di argilla stavano attirando goccioline di grasso e letteralmente “assorbendole”.

“Non solo i materiali argillosi intrappolavano i grassi all’interno della loro struttura particellare, ma impedivano anche che il corpo li assorbisse, assicurando il passaggio del grasso semplicemente attraverso il sistema digestivo.

“È questo comportamento unico che ci ha immediatamente segnalato che eravamo di fronte ad una potenziale cura per l’obesità”. Essere sovrappeso può causare gravi condizioni di salute come malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro. Secondo l’ Istituto australiano di salute e benessere, l’obesità è in aumento con quasi due su tre adulti e uno su quattro bambini, ora in sovrappeso o obesi. E se la sua prevalenza continua, possiamo aspettarci che quasi la metà della popolazione mondiale sia sovrappeso o obesa entro il 2030 . La ricerca di Dening ha studiato gli effetti della montmorillonite – un materiale argilloso naturale, purificato e della laponite – un’argilla sintetica – nei ratti alimentati con una dieta ricca di grassi, confrontandoli con il gruppo  trattato con il placebo o con un farmaco antidoping leader nella perdita di peso. Dopo un periodo di due settimane, i ricercatori hanno scoperto che sia le formulazioni di argilla ingegnerizzate che il farmaco orlistat hanno prodotto effetti di perdita di peso e che il materiale argilloso ha sovraperformato il farmaco.

“La nostra argilla lavorata ha una superficie insolitamente alta, il che significa che ha una grande capacità di interagire e di assorbire i grassi e gli oli digeriti presenti negli alimenti che mangiamo”, dice Dening. “Orlistat, d’altra parte, è un inibitore enzimatico che blocca fino al 30 per cento della digestione e dell’assorbimento dei grassi alimentari, che porta alla perdita di peso, ma ha effetti collaterali spiacevoli come dolori di stomaco, gonfiore, flatulenza e diarrea, che limitano il suo utilizzo nella perdita di peso.

“Quello che stiamo ricercando ora è un approccio sinergico sia con il materiale argilloso che con l’ orlistat: l’orlistat blocca l’enzima che digerisce le molecole di grasso e le particelle di argilla intrappolano questi grassi in modo che siano espulse dal corpo senza causare disturbi gastrointestinali. Stiamo essenzialmente attaccando la digestione dei grassi e l’assorbimento in due modi diversi e speriamo che questo porterà a una maggiore perdita di peso con minori effetti collaterali”.

Il Professore della UniSA, Clive Prestidge è il supervisore alla ricerca di Dening, afferma che la ricerca ha già attirato l’attenzione dei potenziali investitori. “Questa è una scoperta significativa che offre nuove ed entusiasmanti strade per la ricerca sulla perdita di peso che attira naturalmente potenziali partner commerciali”, afferma il Professor Prestidge.

“Dato che il materiale è generalmente considerato sicuro ed è ampiamente utilizzato nei prodotti alimentari e nutraceutici, è fattibile che le sperimentazioni cliniche umane possano iniziare ragionevolmente presto “, ha concluso il ricercatore.

Fonte: Medicalxpress