Micronutrienti e sistema immunitario: insieme possono ridurre il rischio di infezione

Health  food to boost immune system

Health food to boost immune system. Hgh in antioxidants, minerals and vitamins. Top view

Una revisione degli studi esistenti, condotta dall’Oregon State University, indaga e spiega come micronutrienti e sistema immunitario insieme possono ridurre il rischio di infezione.

Dal momento della nascita, i nostri corpi sono bombardati da agenti patogeni il cui unico scopo è vivere e replicarsi in un ambiente caldo, umido e ricco di sostanze nutritive. Non tutti i microrganismi sono dannosi, il microbiota ad esempio, ha una relazione simbiotica con il nostro tratto gastrointestinale. Tuttavia, molti agenti patogeni sopravvivono e si moltiplicano utilizzando meccanismi altamente specializzati che consentono loro di infiltrarsi nel corpo, trovare nicchie nutrizionalmente compatibili all’interno per riprodursi, quindi uscire e diffondersi a un nuovo ospite.

Questi processi generano sintomi clinici di malattia.

Per combattere i microrganismi patogeni, l’elaborato sistema di difesa immunitaria comprende barriere fisiche e biochimiche, cellule immunitarie specializzate e anticorpi che prendono di mira specificamente il patogeno. Il sistema immunitario aiuta anche a riparare i danni causati da insulti nocivi da fattori esterni, come inquinanti ambientali e tossine innate negli alimenti (es., carotossine nelle carote, persine negli avocado, glicoalcaloidi nelle patate e lectine nei fagioli).

In breve, l’attacco iniziale di agenti patogeni o il danno da corpi estranei è messo in discussione dal sistema immunitario innato. Le barriere fisiche come la pelle, i peli del corpo e le mucose aiutano a prevenire l’ingresso nel corpo. Se questi vengono aggirati, i meccanismi biochimici identificano rapidamente qualsiasi molecola “non-sé” e distruggono ed eliminano la minaccia attraverso una miriade di cellule immunitarie (es., leucociti come neutrofili, cellule natural killer (NK) e macrofagi) e citochine (coinvolte nelle cellule segnalazione), quindi riparare eventuali danni.  Agenti invasori specifici, come agenti patogeni e tessuti estranei, possono attivare funzioni immunitarie adattive più lente che utilizzano le cellule T e B che riconoscono antigeni specifici sul microrganismo invasore e formano anticorpi contro di esso.

Ogni fase di questa risposta immunitaria dipende dalla presenza di alcuni micronutrienti.

Storicamente, l’importanza dei micronutrienti nel sistema immunitario e sulle infezioni era basata sulla carenza di vitamina C e sulla comparsa dello scorbuto. Nel primo studio clinico controllato registrato, pubblicato nel 1753, James Lind ha somministrato diete diverse a gruppi di uomini affetti da scorbuto e ha notato che coloro che hanno consumato agrumi hanno ottenuto un recupero notevole. Da allora, è stato stabilito che diversi micronutrienti sono essenziali per il sistema immunitario e hanno ruoli sinergici in base alla loro modalità d’azione complementareQuesta revisione. condotta da ricercatori del Dipartimento di Biochimica e Biofisica, Oregon State University, fornisce una panoramica dei meccanismi noti dei micronutrienti che sono fondamentali per la funzione immunitaria e delinea gli effetti di assunzioni dietetiche inadeguate sul rischio di infezione. La supplementazione di micronutrienti può essere utile in questi casi per ridurre il rischio e vengono presentate le prove cliniche disponibili.

 Impatto dello stato dei micronutrienti sulla risposta immunitaria e sul rischio di infezione

Il corpo richiede livelli ottimali di micronutrienti per una funzione immunitaria efficace, con requisiti diversi in ogni fase della vita. È ben noto che le carenze evidenti (cliniche) di micronutrienti influenzano negativamente il sistema immunitario e predispongono gli individui alle infezioni. Ad esempio, è noto che la carenza di micronutrienti aumenta il rischio di morbilità e mortalità associata a morbillo, polmonite e malattie diarroiche, tutte le infezioni comuni riscontrate in tutto il mondo e tra le principali cause di morte. Anche nei paesi industrializzati, le carenze multiple di micronutrienti sono diffuse e possono esacerbare il rischio di infezione. La gravità di qualsiasi effetto nocivo per la salute dipende in gran parte dall’entità e dalla durata della carenza di micronutrienti. Esistono divari tra l’assunzione di micronutrienti e i requisiti minimi, possibilmente conservativi, stabiliti dalla RDA. Ad esempio, le carenze di vitamina A, ferro e iodio sono comuni, in particolare nei paesi in via di sviluppo e sono tra i principali responsabili del carico globale della malattia. Prevalgono anche le carenze di vitamina D e calcio, il che aumenta il rischio di rachitismo. Anche l’assunzione di potassio è riconosciuta come inadeguata nella maggior parte dei paesi, il che può aumentare il rischio di ipertensione e malattie cardiovascolari. Una percentuale significativa della popolazione generale nei paesi industrializzati ha assunzioni inadeguate di alcuni micronutrienti e le carenze multiple di micronutrienti si verificano frequentemente simultaneamente nei bambini e negli adulti in tutto il mondo. I dati più recenti dell’European Nutrition and Health Report e del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti indicano che, a seconda del micronutriente, circa il 25-50% delle persone ha un’assunzione adeguata o addirittura un eccesso di molti micronutrienti. Tuttavia, circa il 25-75% delle persone ha un apporto alimentare inferiore alla RDA, a seconda del micronutriente. In Europa, le assunzioni segnalate erano inadeguate per le vitamine D ed E, folato e selenio in tutte le fasce d’età. Anche le assunzioni erano inadeguate per: vitamina A, zinco e magnesio nei bambini> 10 anni e negli adulti; vitamina C nei ragazzi> 10 anni e negli adulti; ferro nei bambini e negli adulti, ma non negli anziani; vitamina B12 negli adulti; e vitamina B6 negli anziani.

È anche importante considerare la fonte alimentare di micronutrienti nella valutazione delle carenze di micronutrienti, poiché può avere un forte impatto sulla biodisponibilità dei micronutrienti. Ad esempio, è ben noto che la biodisponibilità di oligoelementi come ferro, zinco o magnesio in una dieta a base vegetale è bassa, principalmente a causa della presenza di componenti che inibiscono la biodisponibilità minerale. Molti fattori possono influenzare lo stato dei micronutrienti. Uno stile di vita stressante, spesso accompagnato da mancanza di sonno e ridotta attività fisica, può aumentare lo stress ossidativo e quindi aumentare la necessità di antiossidanti come le vitamine C ed E, oltre al magnesio per aiutare a riparare il DNA. Alcune condizioni di salute, come il diabete e l’obesità, hanno anche un effetto negativo sullo stato dei micronutrienti, così come i fattori genetici. I cambiamenti stagionali possono diminuire i livelli di micronutrienti, con concentrazioni sieriche inferiori di vitamina D, per esempio, nei mesi bui dell’inverno o nei climi settentrionali, o al contrario nei paesi caldi dove l’assorbimento della vitamina D è bloccato da creme solari o indumenti protettivi . Molteplici micronutrienti (p. Es., Magnesio, zinco e ferro) possono essere persi durante la sudorazione nei paesi caldi o durante l’esercizio; questi non possono essere sintetizzati nell’organismo e devono essere sostituiti con la dieta. Infatti, l’aumento del dispendio energetico utilizza la riserva di micronutrienti del corpo per produrre più energia, con conseguente bassi livelli di vitamine del gruppo B, vitamina C, calcio, ferro, zinco e magnesio negli individui attivi. L’inquinamento atmosferico può anche ridurre le concentrazioni corporee di alcuni micronutrienti, come la vitamina D se l’inquinamento riduce l’esposizione al sole e quindi la produzione cutanea o antiossidanti come le vitamine C ed E, che possono essere necessari per combattere l’ossidazione da stress causato dall’inquinamento.

Esiste chiaramente una logica per integrare l’assunzione alimentare con micronutrienti.

Come discusso, vitamine e minerali hanno ruoli diversi in ogni fase del sistema immunitario ed è probabile che la risposta immunitaria sia compromessa quando i livelli di micronutrienti sono insufficienti. I dati suggeriscono che molte persone hanno un apporto giornaliero inadeguato di micronutrienti, anche quando il cibo è più facilmente disponibile. È stato dimostrato che integrare la dieta con micronutrienti carenti migliora varie funzioni immunitarie specifiche, mentre l’integrazione con più micronutrienti (MMN) può anche avere benefici significativi sulle cellule immunitarie e sulle risposte. Diversi micronutrienti possono essere carenti e anche una carenza marginale può compromettere l’immunità. Sebbene esistano dati contraddittori, le prove disponibili indicano che l’integrazione con più micronutrienti con ruoli di supporto immunitario può modulare la funzione immunitaria e ridurre il rischio di infezione. I micronutrienti con la più forte evidenza di supporto immunitario sono le vitamine C e D e lo zinco. 

Fonte:Nutrients