Metabolismo dei grassi inefficiente una possibile causa di sovrappeso

trigliceridi-300x225-1

L’aumento di peso prolungato può, in alcuni casi, essere attribuito ad una ridotta capacità di metabolizzare il grasso, secondo un nuovo studio del Karolinska Institutet in Svezia pubblicato dalla rivista Cell Metabolism. “Gli individui sensibili potrebbero aver bisogno di cambiamenti di stile di vita più intensi se vogliono evitare di diventare in sovrappeso e sviluppare il diabete di tipo 2”, sostengono i ricercatori che stanno ora sviluppando mezzi per misurare la capacità di abbattere il grasso. Gli scienziati hanno a lungo cercato una spiegazione alle variazioni nella tendenza delle persone a sviluppare sovrappeso, obesità e diabete di tipo 2. A parte i fattori legati allo stile di vita, come la dieta e l’attività fisica, si sospetta che le differenze fisiologiche nel metabolismo – che alla fine porterebbero a differenze nell’aumento di peso tra le persone – possano giocare un ruolo.

“Abbiamo sospettato la presenza di meccanismi fisiologici nel tessuto adiposo che fanno sì che alcune persone diventino in sovrappeso e altre no, nonostante le somiglianze nello stile di vita, e ora ne abbiamo trovato uno”, dice Mikael Rydén, Professore di ricerca clinica e sperimentale sui tessuti grassi presso il Dipartimento di Medicina del Karolinska Institutet di Huddinge. Nel presente studio, i ricercatori hanno analizzato campioni di tessuto da grasso sottocutaneo prelevati dallo stomaco delle donne prima e dopo un periodo di follow-up di circa dieci anni. Quello che i ricercatori hanno scoperto è che la capacità delle cellule grasse di liberare gli acidi grassi, un processo chiamato lipolisi, nel primo campione di tessuto poteva essere usata per prevedere quali donne avrebbero sviluppato il diabete di tipo 2 entro la fine dello studio. I ricercatori hanno anche scoperto che queste donne avevano una ridotta attività in un piccolo numero di geni specifici coinvolti nella lipolisi. La lipolisi è il processo attraverso il quale una cellula adiposa libera gli acidi grassi, che vengono poi utilizzati come fonte di energia dai muscoli. I ricercatori distinguono tra la lipolisi basale, che è continua e la lipolisi stimolata dagli ormoni che viene attivata in risposta ad un aumento del fabbisogno energetico. Le cellule adipose delle donne che in seguito hanno sviluppato sovrappeso, hanno mostrato una lipolisi a bassa stimolazione ormonale, che ha prodotto un rischio da 3 a 6 volte maggiore di aumento di peso e diabete di tipo 2.

“È un po’ come un’auto ad alti regimi che ha perso la capacità di entrare in marcia quando è necessario”, afferma il Professor Rydén. “Il risultato finale è che le cellule di grasso alla fine assorbono più grassi di quelli di cui possono sbarazzarsi”. Il team ha scoperto la correlazione in un gruppo di 54 donne che hanno fornito i primi campioni di tessuto tra il 2001 e il 2003 e che sono state seguite per 13 anni. I ricercatori hanno poi ripetuto l’analisi su altre 28 donne che hanno fornito campioni nel 1998 e sono state seguite per 10 anni, con gli stessi risultati. Uno degli obiettivi dei ricercatori è quello di trovare modi per identificare le persone che corrono il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 e il sovrappeso. Le analisi del tessuto adiposo possono essere eseguite solo da laboratori appositamente attrezzati. Di conseguenza, i ricercatori hanno sviluppato un algoritmo basato su semplici parametri clinici e biochimici di centinaia di individui al fine di ottenere una stima indiretta della quantità di acidi grassi liberati dalle cellule di grasso e quindi prevedere un aumento di peso.

“Ora i nostri risultati devono essere corroborati anche in studi più ampi e per gli uomini, ma speriamo di sviluppare un modo clinicamente opportuno per identificare le persone a rischio di diabete di tipo 2 e sovrappeso che potrebbero aver bisogno di un intervento sullo stile di vita più intenso di altri per rimanere sane “, dice il Professor Rydén.

Fonte: Cell Metabolism