Massa muscolare e la dieta svolgano un ruolo cruciale nella lotta contro il cancro

414_skeletal_smooth_cardiac

Quel numero che compare sulla tua bilancia pesa persone non ti dirà quanto sei veramente sano“, secondo una ricercatrice dell’Università dell’Alberta. L’esperta di nutrizione Carla Prado ha scritto ampiamente sui pericoli della bassa massa muscolare. Secondo la sua recente recensione di quasi 150 studi pubblicati in un solo anno, i pazienti con bassa massa muscolare sperimentano più complicazioni, ricoveri più lunghi e tassi di sopravvivenza più bassi.

Il muscolo è molto importante per il movimento e l’equilibrio, per la postura, la forza e la potenza, ma è anche un serbatoio di aminoacidi, ha detto Prado. “Più perdi massa muscolare, maggiori sono le conseguenze”.

In un nuovo studio, Prado sostiene che gli interventi nutrizionali potrebbero migliorare il trattamento del cancro, rendendo una dieta ricca di proteine ​​e nutrienti, uno strumento cruciale nella lotta contro una malattia potenzialmente letale.

Cosa c’è che non va nel peso?

I critici hanno a lungo suggerito che l’indice di massa corporea, un semplice calcolo del peso rispetto all’altezza, sorpassa importanti differenze nei tipi di corpo.

A Prado piace confrontare arance e pomeli, agrumi con rapporti peel-to-fruit molto diversi.

“Puoi avere persone che hanno esattamente lo stesso peso corporeo”, ha detto Prado. “Sulla scala sembrano uguali. Ma quando guardi la loro composizione corporea, la quantità di muscoli è molto diversa”.

Un paio di decenni fa, i ricercatori hanno iniziato a notare un “paradosso dell’obesità” tra i pazienti con malattie croniche. I pazienti con BMI più elevati spesso hanno ottenuto risultati migliori rispetto ai pazienti con BMI bassi. Mentre i ricercatori si sono interrogati sul perché di questo, Prado crede che la risposta si trovi effettivamente sotto la superficie. È il muscolo”, sostiene, “non il grasso”.

All’Unità di ricerca sull’alimentazione umana della Università di Alberta di cui Prado è il Direttore, sta ancora lavorando al lavoro iniziato dieci anni fa come dottorando. Guardando la massa muscolare e gli esiti del cancro, ha avuto difficoltà a trovare pazienti magri con bassa massa muscolare. Si è concentrata invece sui malati di cancro con obesità. Quel lavoro ha portato a uno studio rivoluzionario pubblicato in The Lancet Oncology che ha collegato i risultati alla massa muscolare, un documento che è stato citato quasi 1.000 volte dalla sua pubblicazione del 2008.

Prado, che è diventato un membro della facoltà della U of A cinque anni fa, ritiene che la ricerca sulla composizione corporea abbia enormi implicazioni sul modo in cui vengono trattate le malattie croniche. La chemioterapia, ad esempio, viene spesso somministrata in base al peso corporeo, lasciando i pazienti con obesità e bassa massa muscolare a un rischio più elevato di tossicità. Ma pensa anche che la nutrizione abbia il potenziale di trasformare le cure semplicemente concentrandosi sul mantenimento e sulla costruzione dei muscoli.

Pericoli di deterioramento muscolare

“Una malattia grave è come un incendio”, ha detto Prado, ” che devasta rapidamente il serbatoio muscolare di un corpo. Quel muscolo perso ha molti ruoli importanti oltre alla mobilità, inclusi la regolazione degli ormoni, le funzioni metaboliche e la funzione degli organi. In soli tre giorni in un letto d’Ospedale, un paziente anziano può perdere più di un chilo di muscolo. Durante una degenza in Ospedale di 10 giorni, un adulto in buona salute può perdere il cinque percento della propria massa muscolare totale. Quei numeri salgono al 18 percento in un’unità di terapia intensiva”.

Puoi perdere la massa muscolare in fretta, ma la ricostruzione richiede mesi“, ha aggiunto Prado. “Immaginare di recuperare un un chilo di massa muscolare in una settimana o giù di lì, è quasi impossibile”.

Il deterioramento della massa muscolare rende più difficile combattere le malattie.

Una perdita del 10 percento comporta una ridotta immunità e un aumento del rischio di infezione. Il venti percento significa debolezza e rallentamento della guarigione; Il 30 percento lascia un paziente troppo debole per sedersi. Una perdita del 40 percento è spesso fatale.

Ma ci sono altre cose da considerare.

Con esiti peggiori, ulteriori complicazioni e degenze ospedaliere più lunghe, ignorare la massa muscolare costa ai sistemi sanitari maggiori risorse. Prado ha affermato che i pazienti finiscono per avere una qualità di vita peggiore, incapaci di svolgere le attività più elementari come aprire una bottiglia d’acqua o pettinarsi i capelli.

La ricercatrice sta esaminando come gli interventi dietetici potrebbero essere usati per prevenire o curare le malattie come il cancro, costruendo i muscoli.  Mentre le linee guida alimentari sono spesso “a misura unica”, Prado ritiene che l’aumento delle sostanze nutritive per la costruzione di proteine ​​e muscoli potrebbe migliorare radicalmente i risultati. La nutrizione dovrebbe essere considerata una terapia.

Diamo la nutrizione per scontata, ma è davvero importante”, ha detto. “Proprio come abbiamo bisogno di ossigeno per respirare, i nostri muscoli hanno bisogno di proteine ​​e aminoacidi per crescere“.

La nutrizione è una via da seguire

Una vasta gamma di studi ha suggerito nuove metriche che catturano meglio la salute rispetto all’IMC: composizione corporea, velocità di deambulazione, forza di presa o capacità di fare flessioni.

Indipendentemente da come viene misurata la massa muscolare, Prado pensa che debba essere un nuovo segno vitale. “I medici dovrebbero chiedere ai pazienti se hanno problemi ad esempio, ad uscire dalla macchina”, ha detto Prado. “E i pazienti che affrontano una malattia dovrebbero chiedere ai medici come la loro composizione corporea potrebbe influenzare il trattamento”.

Prado vuole distogliere l’attenzione dalla bilancia da bagno e continuare a guardare più in profondità. “Aggiungere muscoli – o almeno trattenerli – potrebbe davvero significare che un’oncia di prevenzione è meglio di un chilo di cura”.

Fonte, The Lancet Oncology