Mangiare più frutta e verdura per prevenire l’aumento di peso

frutta-verdura

“Aumentare l’assunzione di mele, pere, frutti di bosco, cipolle e altri frutti ricchi di flavonoidi e verdura, per evitare di accumulare i chili in più”, è questa la conclusione di un nuovo studio pubblicato su BMJ.

Ci sono più di 6.000 tipi di flavonoidi, che sono naturalmente presenti nella maggior parte di frutta e verdura. Alcuni dei tipi più noti includono flavonoli, flavoni, flavanoni e antociani. Precedenti studi hanno associato i flavonoidi alimentari con la perdita di peso, anche se il team coinvolto in questo ultimo studio, coordinato da Monica L. Bertoia della Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, MA, rileva che gran parte della ricerca si è concentrata sugli effetti di perdita di peso da flavan-3-olo, un flavonoide presente nel tè verde. Per di più, Bertoia e colleghi affermano che gli studi precedenti che hanno valutato il legame tra i flavonoidi nella dieta e perdita di peso hanno incluso solo un piccolo numero di partecipanti che erano in sovrappeso o obesi. Per il loro studio, il team ha deciso di valutare come l’assunzione di sette tipi di flavonoidi influenza il peso di 124,086 uomini e donne di età compresa tra 27-65 anni che facevano parte del Health Professionals Follow-up Study, ‘Health Study e Nurses’ Nurses Health Study II. Ogni 4 anni tra il 1986-2011, i partecipanti erano tenuti a compilare un questionario dietetico da cui i ricercatori hanno valutato il loro apporto di flavonoli alimentari, flavoni, flavanoni, flavan-3-oli, antociani, proantocianidine e polimeri flavonoidi. Il peso, le abitudini di vita dei partecipanti e la diagnosi di eventuali malattie, sono stati valutati attraverso un questionario compilato ogni 2 anni. I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che hanno aumentato il loro consumo di alcuni tipi di flavonoidi – flavonoli, flavan-3-oli, antociani e polimeri di flavonoidi – durante il periodo di studio, sono stati meno propensi a sperimentare un aumento di peso.

Gli antociani, polimeri flavonoidi e flavonoli sono stati associati con il minor aumento di peso e inoltre, ogni ulteriori 10 mg di antocianine, 138 mg di flavonoidi polimeri e 7 mg di flavonoli consumati ogni giorno, sono stati associati a 0.16-0.23 Ibs di peso non guadagnato ogni 4 anni.

Questi risultati sono rimasti anche dopo la contabilizzazione di fattori potenzialmente confondenti, comprese le variazioni di abitudine al fumo dei partecipanti, l’attività fisica e altri aspetti dietetici. Le principali fonti di antociani utilizzate nello studio sono le fragole e mirtilii, mentre il tè e le cipolle sono state le principali fonti di flavonoli. L’assunzione di flavan-3-oli e loro polimeri è avvenuta soprattutto da tè e mele. Bertoia e colleghi fanno notare che i loro risultati siano osservazionali, il che significa che nessuna conclusione definitiva può essere raggiunta. Tuttavia, il team dice che i risultati potrebbero aiutare a combattere la corrente epidemia di obesità, offrendo indicazioni su quale tipo di frutta e verdura offrono il miglior contributo al mantenimento del peso:

“Maggiore assunzione di alimenti ricchi di flavonoli, flavan-3-oli, antociani e polimeri flavonoidi possono contribuire al mantenimento del peso in età adulta e possono aiutare a perfezionare le raccomandazioni dietetiche per la prevenzione dell’obesità e delle sue potenziali conseguenze”.

I ricercatori aggiungono che solo piccole quantità di riduzione di peso possono avere un impatto significativo sulla salute pubblica, riducendo il rischio di diabete, pressione alta, malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro. Gli autori ammettono che ci sono alcune limitazioni alle loro scoperte. Per esempio, mentre l’assunzione di flavonoidi dei partecipanti è stata valutata attraverso un questionario dietetico, la quantità di flavonoidi presenti negli alimenti è probabile che possa variare a seconda del grado di maturazione del cibo, trasformazione dei prodotti alimentari, la conservazione e la stagione. Inoltre, si nota che il questionario alimentare non può aver identificato tutte le fonti alimentari di flavonoidi, quindi i risultati potrebbero aver sottovalutato il legame tra l’assunzione di flavonoidi e il mantenimento del peso.

Fonte: Dietary flavonoid intake and weight maintenance: three prospective cohorts of 124 086 US men and women followed for up to 24 years,