“Mangiare con gli occhi”: vedere il cibo e sentirsi affamati

eatingwithth-600x233

Immagine: l’ipotalamo di una larva di zebrafish di 4 giorni è stato attivato dal riconoscimento visivo di una preda. Credito: © Istituto Nazionale di Genetica (NIG)

“Mangiare con gli occhi”: vedere il cibo e sentirsi affamati ! Ti sei mai chiesto perché guardare il cibo ti fa sentire affamato?

La visualizzazione dell’attività neuronale in aree specifiche del cervello di zebrafish, ha permesso agli scienziati dell’Istituto Nazionale di Genetica (NIG) in Giappone, di rilevare un collegamento diretto tra la percezione visiva del cibo e la motivazione dell’alimentazione. Lo studio, pubblicato il 20 aprile 2017 in Nature Communications, suggerisce che “mangiare con gli occhi” è profondamente radicato nell’ evoluzione.

” Nei vertebrati, il comportamento alimentare è regolato da una zona del cervello chiamata ipotalamo. Il centro nutrizionale nell’ ipotalamo integra le informazioni sui bisogni di energia del corpo e la disponibilità di cibo ambientale. Lo zebrafish, come gli esseri umani, per lo più utilizza la visione per il riconoscimento di cibo o di prede. Tuttavia, non è noto come l’ipotalamo riceve informazioni visive sulla preda. In primo luogo abbiamo dimostrato che i neuroni nell’ipotalamo  rispondono alla vista della preda. Poi abbiamo cercato i neuroni del sistema visivo che hanno risposto alla preda e scoperto i neuroni ‘rivelatori della preda’ in un’area del cervello chiamata pretectum. Inoltre, abbiamo trovato un legame neurale diretto che collega i neuroni rivelatori della preda al centro di alimentazione ipotalamico“, ha spiegato il Dr. Muto, autore principale dello studio. Il Prof. Kawakami, autore maggiore dello studio, gestisce un impianto di zebrafish contenente migliaia di serbatoi di pesci, ciascuno dei quali contiene pesci geneticamente diversi. Questa collezione di pesci viene utilizzata per studiare tessuti e tipi cellulari da ricercatori di tutto il mondo. Delle quasi 2.000  specie di pesci presenti nel laboratorio, due hanno giocato un ruolo importante nello studio: uno per l’imaging dei neuroni rilevatori delle prede e l’altro per il centro di alimentazione nell’ipotalamo.

” il successo dell’ imaging del cervello è stato reso possibile dallo sviluppo delle nostre risorse genetiche su cui ho speso più di 20 anni. Questo lavoro presenta un’applicazione di successo delle nostre risorse genetiche allo studio delle funzioni cerebrali”, dice il Prof. Kawakami.1-eatingwithth

Una larva di Zebrafish cerca di catturare la preda. Credito: © Istituto Nazionale di Genetica (NIG)

“Il nostro studio dimostra come strettamente la percezione visiva del cibo è legata al comportamento alimentare motivazionale negli animali vertebrati. Questo è un passo importante verso la comprensione di come l’alimentazione è regolata e può essere modulata sia in condizioni normali  che nei disturbi alimentari”, ha dichiarato il Dr. Muto .

Fonte: Nature Communication