Malattie metaboliche: eccesso di cibo causa infiammazione

Selection of bad fat sources

Selection of bad fat sources, copy space

(Malattie metaboliche-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori hanno trovaio un interruttore on-off per l’infiammazione correlata all’eccesso di cibo. Hanno identificato una molecola che svolge un ruolo chiave nella risposta infiammatoria del corpo all’eccesso di cibo, che può portare a obesità, diabete e altre malattie metaboliche.

La scoperta suggerisce che la molecola potrebbe essere un promettente bersaglio terapeutico per controllare questa infiammazione e tenere sotto controllo le malattie metaboliche

Lo studio appare il 29 giugno negli Atti della National Academy of Sciences.

“Quando una persona mangia troppo, il corpo immagazzina le calorie in eccesso sotto forma di grasso nel tessuto adiposo o grasso corporeo”, ha detto l’autore principale dello studio Xiaoyong Yang della Yale School of Medicine. Poiché la quantità di calorie consumate continua ad aumentare, ciò porta all’infiammazione del tessuto adiposo e al rilascio di acidi grassi in altri tessuti, inclusi fegato e muscoli.

Questo è pericoloso“, ha detto Yang, “e porta a disturbi metabolici come il diabete”.

I ricercatori erano consapevoli che l’eccesso di cibo portava a infiammazioni e malattie metaboliche, ma fino ad ora non conoscevano il modo preciso in cui le cellule immunitarie del corpo , come i macrofagi, che reagiscono al consumo eccessivo di calorie, hanno contribuito a questo processo. La nuova ricerca di Yang e del team si è concentrata su un percorso chiamato segnalazione O-GIcNAc che si attiva quando una persona mangia troppo, istruendo le cellule a limitare l’infiammazione.

L’infiammazione si verifica quando il sistema immunitario del corpo reagisce a lesioni o minacce e comporta un aumento del flusso sanguigno, dilatazione dei capillari e un afflusso di globuli bianchi.

“Il corpo è intelligente”, ha detto Yang, Professore associato di medicina comparativa e di fisiologia cellulare e molecolare. “Cerca di proteggere dall’infiammazione quando il grasso si accumula”.

In particolare, i ricercatori hanno scoperto che OGT (O-GIcNAc transferasi), un enzima che attiva la segnalazione di GIcNAc, era responsabile dell’attivazione della risposta pro- infiammatoria del corpo attivando o disattivando una specifica via di segnalazione nei macrofagi.

“Il macrofago può essere “bravo o un cattivo” “, ha detto Yang. “Diventa cattivo in caso di sovralimentazione, secernendo molti fattori infiammatori. In altri contesti, è bravo e ha un effetto antinfiammatorio. Abbiamo scoperto che OGT cerca di impedire al macrofago di diventare cattivo per fermare la risposta pro-infiammatoria“.

La scoperta suggerisce che l’OGT potrebbe essere un obiettivo per nuove terapie per sopprimere l’infiammazione e migliorare la salute.

“Lo studio fa anche luce sul funzionamento della glutammina e della glucosamina, integratori alimentari raccomandati dai medici per l’artrite e l’infiammazione delle articolazioni”, ha detto Yang. Sebbene i ricercatori sapessero che questi integratori promuovono la segnalazione di O-GlcNAc e riducono l’infiammazione, non sapevano come funzionasse questo processo.

“La nostra scoperta implica ulteriormente come la glutammina e la glucosamina sopprimono l’infiammazione “, ha detto Yang.

Fonte: Atti della National Academy of Sciences (2020)