L’ossitocina è un potenziale nuovo trattamento per l’obesità

ossitocina-autismo-ormone-amore

L’ormone ossitocina riduce la comunicazione tra le diverse aree del cervello coinvolte nell’elaborazione cognitiva, sensoriale ed emotiva di segnali alimentari che le persone con obesità dimostrano quando guardano cibi ipercalorici, secondo la ricerca presentata lunedì a ENDO 2019, l’ incontro annuale della Società Endocrina incontro a New Orleans.

Questa ricerca può portare la formulazione nasale sintetica dell’ ossitocina un passo più vicino al possibile suo utilizzo come nuovo trattamento per l’obesità. Nota più per il suo ruolo nel legame sociale, il parto e l’allattamento al seno, l’ossitocina è un ormone naturale nel corpo che è anche importante per controllare l’assunzione di cibo e il peso. Ricerche precedenti mostrano che lo spray nasale di ossitocina, che non è stato ancora approvato negli Stati Uniti, agisce sulle vie cerebrali coinvolte nel comportamento alimentare e diminuisce il consumo di cibo negli uomini.

“Sapere come il farmaco esercita i suoi effetti è un passo fondamentale verso la creazione dell’ossitocina come trattamento farmacologico per l’eccesso di cibo e l’obesità”, ha detto la ricercatrice capo dello studio, Liya Kerem, un endocrinologa al MassGeneral Hospital for Children e ricercatrice al Massachusetts General Hospital di Boston, Massachusetts. “Questo studio è eccitante perché mostra che l’ossitocina modula i percorsi del cervello in particolare durante le loro risposte a cibi altamente appetibili e gratificanti”.

L’obiettivo del nuovo studio, secondo Kerem, era quello di esaminare la rete di regioni del cervello di ricompensa che l’ossitocina influenza. Basandosi sulle loro precedenti scoperte che dimostrano che l’ossitocina riduce l’attivazione dell’area tegmentale ventrale (VTA), una regione centrale del sistema di ricompensa del cervello, i ricercatori hanno usato la risonanza magnetica funzionale (fMRI) e una tecnica di neuroimaging che misura l’attività cerebrale per rilevare i cambiamenti associati al flusso sanguigno e studiare come l’ossitocina influenza la connettività funzionale tra VTA e il resto del cervello. In questo studio, 10 giovani sani ma in sovrappeso o obesi hanno ricevuto in modo casuale un trattamento diverso durante due visite al laboratorio di ricerca. Ad ogni visita, i partecipanti si sono auto-somministrati una singola dose di spray nasale di ossitocina o di un farmaco fittizio placebo dopo il digiuno. Nessuno era a conoscenza di quale trattamento aveva ricevuto. L’ossitocina non ha avuto effetti collaterali in questo studio, che è stato finanziato dal Nutrition Obesity Research Center di Harvard, dal Boston Nutrition Obesity Research Center e dal National Institutes of Health. Un’ora dopo la somministrazione del farmaco, gli uomini sono stati sottoposti a fMRI mentre osservavano immagini di cibi ipercalorici e immagini di cibi a basso contenuto calorico e oggetti non alimentari.

“Gli individui con obesità, rispetto alle persone magre, hanno aree di ricompensa cerebrale iperattivate in modo anormale quando visualizzano immagini di cibi ipercalorici, anche quando sono sazie, suggerendo una spiegazione per il comportamento osservato di eccesso di cibo e un potenziale bersaglio per il trattamento con farmaci come l’ossitocina “, ha detto Kerem.

Rispetto al placebo, l‘ossitocina ha indebolito la connettività funzionale – la coordinazione efficace tra i sistemi neurali in risposta a un compito – tra VTA e le aree del cervello di motivazione alimentare associate, quando i partecipanti hanno visto immagini di cibi ipercalorici.

Fonte, newsmedical