Livelli di acidi grassi omega-3 sono migliori predittori del rischio di morte rispetto al colesterolo sierico

omega-3-resized-600x312

Un nuovo studio mostra che i livelli di acidi grassi omega-3 sono migliori predittori del rischio di morte rispetto al colesterolo sierico. Un recente studio pubblicato sul Journal of Clinical Lipidology ha esaminato il valore della misurazione dei livelli ematici di acidi grassi EPA e DHA omega-3 per valutare il rischio di un individuo di sviluppare determinate malattie. In questo nuovo rapporto di Harris e colleghi, l’indice “Omega-3” (il contenuto di EPA + DHA delle membrane dei globuli rossi) è stato misurato in 2500 partecipanti nella coorte Offspring del Framingham Heart Study. (Questo gruppo è in gran parte costituito dai figli dei partecipanti allo studio Framingham originale iniziato nel 1948). Tutti gli individui nel presente studio erano privi di nota malattia cardiovascolare (CVD) al basale. I ricercatori si sono concentrati principalmente sulla mortalità totale (morte da qualsiasi causa) come endpoint, ma hanno anche monitorato la morte da CVD, cancro e altre cause. Inoltre, hanno riportato le associazioni tra i livelli di Omega-3 Index e un rischio per qualsiasi evento CVD – fatale o no, infarto o ictus. La popolazione aveva 66 anni al basale e c’erano più femmine rispetto ai maschi. Lo studio ha seguito questi individui per gli esiti della malattia fino all’età di circa 73 anni. I risultati sono stati aggiustati statisticamente per un’ampia varietà di fattori che potrebbero influenzare i risultati

Secondo lo studio, finanziato dai National Institute of Health (NIH), un più alto indice di Omega-3 era associato a un minor rischio di eventi cardiovascolari totali, eventi coronarici totali e ictus totali. La categoria più fortemente associata all’indice Omega-3 era costituita da decessi non-CV, non-tumorali – decessi per tutte le altre cause. Ciò suggerirebbe un ampio spettro di azioni benefiche di EPA e DHA nel corpo che non sono solo collegate a un processo patologico (come l’accumulo di placca nelle arterie).

Il legame tra livelli ematici di omega-3 più alti e rischio di morte inferiore è stato riportato in almeno altri tre studi, ma questo nuovo studio ha indagato la relazione tra rischi di morte per qualsiadi causa e livelli di omega 3  e rischi di morte per qualsiasi causa e livelli di colesterolo sierico, un “fattore di rischio” per le malattie cardiache. “Sappiamo tutti che il livello di colesterolo nel siero è un importante fattore di rischio per CHD e dal momento che quest’ultimo è una delle principali cause di morte nel mondo occidentale, sarebbe ragionevole aspettarsi che un livello di colesterolo alto possa comportare un rischio maggiore di morte prematura “, ha detto l’autore principale Dr. William Harris. “Questo non si è verificato in questo caso, quando i livelli basali di colesterolo sierico sono stati sostituiti dall’ Indice Omega-3 negli stessi modelli multi-variabili”.

Fonte: Journal of Clinical Lipidology