Le proteine della soia riducono i livelli di colesterolo

soia-ogm

“Le proteine della soia hanno la capacità di abbassare il colesterolo di una piccola ma significativa quantità”, suggerisce un nuovo studio condotto dal St. Michael’s Hospital di Toronto.

Poichè la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha intenzione di rimuovere la soia dalla sua lista di alimenti sani per il cuore, i ricercatori di St. Michael hanno deciso di fornire una meta-analisi di 46 studi esistenti che hanno valutato la soia e determinato se la proposta si allinea con la letteratura esistente. Dei 46 studi, 43 hanno fornito dati sufficienti per la meta-analisi. Quarantuno studi clinici hanno valutato gli effetti della proteina di soia sulla lipoproteine a bassa densità (LDL) che è spesso definita come “colesterolo cattivo”, perché una quantità elevata porta ad un accumulo nelle arterie. Tutti e 43 gli studi hanno fornito dati sul “colesterolo totale”, che riflette la quantità complessiva di colesterolo nel sangue.

“I ricercatori hanno scoperto che la proteina di soia riduce il colesterolo LDL dal tre al quattro percento negli adulti, una piccola ma significativa quantità”, ha osservato il Dr. David Jenkins, l’autore principale dello studio che è anche il Direttore del Centro di modifica dei fattori di nutrizione e rischio clinico e uno scienziato del Li Ka Shing Knowledge Institute dell’Ospedale di San Michele.

Ha detto il Dott. Jenkins, “I dati esistenti e le nostre analisi suggeriscono che le proteine ​​di soia contribuiscono alla salute del cuore “.

Una limitazione di questo studio era che analizzava esclusivamente i 46 processi ai quali la FDA aveva fatto riferimento in precedenza, invece di lanciare una rete più ampia. Il Dott. Jenkins e il suo team sperano che questo lavoro sia preso in considerazione nell’attuale valutazione della FDA delle proteine ​​di soia per quanto riguarda la salute del cuore.

Fonte, The Journal of Nutrition (2019)