Le noci allungano la vita?

detail-noci

 

Spesso bandite dalla tavola perché troppo caloriche, noci, mandorle e nocciole avrebbero invece un effetto positivo sulla salute. Un studio pubblicato su Bmc Medicine mostra infatti come chi consuma frutta secca, le noci in particolare, più di tre volte alla settimana, ha più probabilità di vivere a lungo, e meno di soffrire di malattie cardiovascolari cancro. Anche se, spiegano i ricercatori, le ragioni di questi effetti benefici non sono completamente chiare.  La ricerca ha preso in esame i dati acquisiti attraverso lo studio “PREvención con DIeta MEDiterránea” (Predimed), confrontando su un campione di oltre 7000 persone tra i 55 e i 90 anni, gli effetti di una dieta mediterranea rinforzata con olio extravergine d’oliva o frutta secca (noci, nocciole e mandorle), con quelli di una dieta a basso contenuto di grassi nel corso di quasi cinque anni.  Come spiegano i ricercatori il rischio di mortalità nel complesso era inferiore del 39% per chi consumava abitualmente frutta secca, arrivando fino al 45% per chi preferiva le noci. In particolare le persone che abitualmente mangiavano più di tre porzioni di frutta secca a settimana (una porzione è intesa come pari a 28 g) avevano un rischio di mortalità per problemi cardiovascolari ridotto del 55% e il 40% in meno di probabilità di morire di cancro.  L’autore dello studio, Jordi Salas-Salvadò della catalana Universitat Rovira i Virgili, ha spiegato come non sia ancora chiaro il meccanismo per cui nocciole e noci abbiano questi effetti benefici sulla salute, né perché le seconde siano da preferire alle prime. Sappiamo però che le noci hanno un elevato contenuto di acidi alfalinoleici e fitochimici, specialmente nello strato più esterno. Entrambe queste componenti, insieme a fibre e minerali come calcio, magnesio e potassio, potrebbero essere all’origine degli effetti benefici che derivano dal consumo abituale di questi alimenti.

Riferimenti: Bmc Medicine Doi:10.1186/1741-7015-11-164

Fonte: galileonet.it