Le nocciole migliorano i livelli di micronutrienti negli anziani

nocciole_cover

Gli adulti più anziani che hanno aggiunto le nocciole alla loro dieta per alcuni mesi, hanno migliorato significativamente i loro livelli di due micronutrienti chiave, secondo una nuova ricerca dell’Oregon State University. Nello studio, 32 persone di 55 anni e più hanno mangiato circa 57 grammi di nocciole o circa un terzo di tazza al giorno per 16 settimane.

I risultati hanno mostrato un aumento delle concentrazioni ematiche di magnesio e livelli urinari elevati di un prodotto di degradazione dell’alfa tocoferolo, comunemente noto come vitamina E.

I risultati, pubblicati sul Journal of Nutrition, sono importanti perché molti americani non assumono quantità adeguate di entrambi i micronutrienti. Gli adulti più anziani sono particolarmente a rischio: concentrazioni più basse dei micronutrienti sono associate ad un aumentato rischio di problemi di salute legati all’età, tra cui il morbo di Alzheimer.

“Questa è una delle prime volte in cui uno studio di questo tipo si è concentrato solo sugli adulti più anziani”, ha detto il co-autore Alex Michels, ricercatore presso il Linus Pauling Institute dell’OSU. “Volevamo riempire un pezzo del puzzle: le nocciole possono migliorare lo stato nutrizionale degli anziani in particolare?“.

Michels ha anche notato che pochi studi sulle nocciole hanno coinvolto le nocciole dell’Oregon, che rappresentano il 99% della produzione statunitense di nocciole.

Maret Traber, autore corrispondente dello studio e colleghi, hanno utilizzato un nuovo biomarcatore – un metabolita alfa-tocoferoloper determinare che le nocciole avevano migliorato i livelli di vitamina E dei soggetti partecipanti alla ricerca.

È difficile determinare i cambiamenti nei livelli di α-tocoferolo nel sangue degli anziani perché tendono a livelli elevati di colesterolo che portano a più α-tocoferolo trattenuto nel sangue“, hanno  detto Traber, Professore presso l’OSU College of Public Health e Human Sciences e Ava Helen Pauling Professor presso il Linus Pauling Institute. “Quindi quello che abbiamo fatto è stato esaminare l’urina per vedere quanto catabolita ci fosse dentro poichè il catabolita dovrebbe aumentare solo se il corpo ha abbastanza vitamina E”.

cataboliti sono prodotti energeticamente poveri, quindi di scarto, risultanti dal catabolismo dell’organismo vivente, residui della demolizione dei nutrienti, …

Il catabolita ricercato è alfa carbossietil idrossiburomanolo, abbreviato in α-CEHC.

“Questo catabolita è fondamentalmente una molecola di vitamina E, parte del naturale processo di decomposizione della vitamina E mentre il corpo la usa”, ha spiegato Michels. “Abbiamo visto i livelli α-CEHC urinari aumentare in quasi tutti i partecipanti”.

Inoltre, l’analisi del sangue ha mostrato una diminuzione del glucosio e delle lipoproteine ​​a bassa densità, noto anche come colesterolo “cattivo”, oltre all’aumento del magnesio.

“Tutto ciò ci dice che le nocciole fanno bene”, dice Traber. “I risultati dimostrano il potere delle nocciole aggiunte alla dieta: aumentano i livelli di vitamina E e magnesio che sono due dei micronutrienti carenti nella popolazione degli Stati Uniti. Tuttavia, c’è molto di più poichè le nocciole sono anche una grande fonte di grassi sani, rame e vitamina B6 e rappresentano un multivitaminico in una forma naturale”.

Fonte, The Journal of Nutrition