La fibra alimentare riduce l’infiammazione cerebrale durante l’invecchiamento

fibra-alimentare

La fibra alimentare riduce l’infiammazione cerebrale durante l’invecchiamento, secondo un nuovo studio. Con l’età, le cellule immunitarie nel cervello chiamate microglia diventano cronicamente infiammate. In questo stato, producono sostanze chimiche note per compromettere la funzione cognitiva e motoria. Questa è una spiegazione del perché la memoria svanisce e le altre funzioni cerebrali diminuiscono durante la vecchiaia. Ma, secondo un nuovo studio dell’Università dell’Illinois, potrebbe esserci un rimedio per ritardare l’inevitabile: la fibra alimentare. La fibra alimentare favorisce la crescita di batteri buoni nell’intestino. Quando questi batteri digeriscono la fibra, producono acidi grassi a catena corta (SCFA), incluso il butirrato, come sottoprodotti.

“Il butirrato è interessante perché è stato dimostrato che ha proprietà antinfiammatorie sulla microglia e migliora la memoria nei topi quando somministrato farmacologicamente”, dice Rodney Johnson, Professore e capo del Dipartimento di Scienze animali della UI e autore corrispondente dell’articolo pubblicato su Frontiers in Immunology.

Sebbene gli esiti positivi del butirrato di sodio – la forma farmaceutica – siano stati osservati in studi precedenti, il meccanismo non era chiaro. Il nuovo studio rivela, nei vecchi topi, che il butirrato inibisce la produzione di sostanze chimiche dannose da parte della microglia infiammata. Una di queste sostanze chimiche è l’interleuchina-1β, che è stata associata alla malattia di Alzheimer negli esseri umani. Capire come funziona il butirrato di sodio è un passo avanti, ma i ricercatori erano più interessati a sapere se gli stessi effetti potevano essere ottenuti semplicemente nutrendo i topi con più fibre.

“Le persone non sono in grado di consumare il butirrato di sodio direttamente, a causa del suo cattivo odore”, dice Johnson. “Un modo pratico per ottenere un elevato livello di butirrato è consumare una dieta ricca di fibre solubili”.

Il concetto sfrutta il fatto che i batteri intestinali convertono la fibra in butirrato in modo naturale.

“Sappiamo che la dieta ha un’influenza maggiore sulla composizione e la funzione dei microbi nell’intestino e che una dieta ricca di fibre avvantaggia i buoni microbi, mentre diete ricche di grassi e proteine ​​possono avere un’influenza negativa sulla composizione e sulla funzione microbica. Alterando i microbi intestinali, la dieta influisce sulla malattia “, dice Jeff Woods, Professore presso il Dipartimento di Kinesiologia e Salute della Comunità presso la UI e coautore dello studio. Il butirrato derivato dalla fibra alimentare dovrebbe avere gli stessi benefici che ha sul cervello sotto forma di farmaco, ma nessuno lo aveva mai dimostrato prima. I ricercatori hanno alimentato gruppi di topi giovani e vecchi con diete ad alto o basso contenuto di fibre e quindi hanno misurato i livelli di butirrato e di altri SCFA nel sangue, oltre a sostanze chimiche infiammatorie nell’intestino.

” Solo i vecchi topi alimentati con una dieta a basso contenuto di fibre hanno mostrato un’infiammazione intestinale”, afferma Johnson. “È interessante notare che i giovani topi alimentati con la stessa dieta non hanno avuto questa risposta infiammatoria , evidenziando chiaramente la vulnerabilità legata all’età”.

Quando i vecchi topi hanno consumato la dieta ricca di fibre, la loro infiammazione intestinale si è ridotta drasticamente, senza mostrare alcuna differenza tra i gruppi di età. Johnson conclude: “La fibra alimentare può davvero manipolare l’ambiente infiammatorio nell’intestino”.

Il passo successivo è stato osservare i segni di infiammazione nel cervello. I ricercatori hanno esaminato circa 50 geni unici nella microglia e hanno trovato che la dieta ricca di fibre riduceva il profilo infiammatorio negli animali anziani. I ricercatori non hanno esaminato gli effetti delle diete sulla cognizione e sul comportamento o i meccanismi precisi nell’asse dell’intestino cervello, ma hanno in programma di affrontare questo lavoro in futuro con una sovvenzione dei National Institutes of Health. Johnson aggiunge: “Quello che mangi è importante. Sappiamo che gli adulti più anziani consumano il 40% in meno di fibra alimentare rispetto a quanto raccomandato e non assumere abbastanza fibre potrebbe avere conseguenze negative sulla salute del cervello e causare infiammazione generale”.

Fonte: Frontiers in Immunology