La curcumina migliora la funzione muscolare e la capacità di esercizio

la-curcumina-potra-contribuire-alla-lotta-al-cancro-in-combinazione-con-il-platino-la-scoperta-delluniversita-dellillinois_2071657-768x432

Una nuova ricerca suggerisce che la curcumina, un ingrediente principale del curry, può migliorare l’intolleranza all’esercizio correlato allo scompenso cardiaco. 

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Applied Physiology.

La curcumina, una sostanza chimica proveniente dalla pianta della curcuma, è stata usata per secoli come medicina tradizionale asiatica, principalmente per curare disturbi gastrointestinali e ferite della pelle. Gli studi suggeriscono sempre più che il composto può prevenire o limitare lo spreco muscolare associato a una serie di condizioni di salute, tra cui l’ insufficienza cardiaca.

L’ insufficienza cardiaca colpisce più di 6 milioni di persone che vivono negli Stati Uniti. Le persone con insufficienza cardiaca hanno una funzione ridotta del ventricolo sinistro – la camera del cuore che pompa il sangue verso il resto del corpo – chiamata frazione di eiezione ridotta. Una ridotta capacità di esercizio (intolleranza all’esercizio) è un’altra caratteristica significativa dell’insufficienza cardiaca. Ricerche precedenti hanno scoperto che livelli più elevati del normale di stress ossidativo – uno squilibrio di due diversi tipi di molecole che possono causare danni alle cellule – contribuiscono all’intolleranza all’ esercizio nelle persone con insufficienza cardiaca che è anche associata ad un’espressione inferiore alla normale di enzimi antiossidanti nei muscoli, ma la ragione di ciò non è chiara.

Gli enzimi antiossidanti prevengono e riparano il danno causato dallo stress ossidativo.

I ricercatori del Medical Center dell’Università del Nebraska hanno teorizzato che una riduzione della normale segnalazione di Nrf2, una proteina che regola l’espressione degli enzimi antiossidanti, può avere un ruolo nell’indebolita espressione degli enzimi antiossidanti. Hanno esaminato gli effetti della curcumina, che è nota per promuovere l’attivazione di Nrf2, su un modello murino di insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta. 

Un gruppo di topi con insufficienza cardiaca ha ricevuto dosi giornaliere di curcumina per 12 settimane e un altro gruppo non ha ricevuto alcun trattamento. I gruppi con insufficienza cardiaca sono stati confrontati con un gruppo di controllo di topi sani che hanno ricevuto curcumina e un gruppo di controllo non trattato.

Il team di ricerca ha misurato la capacità di esercizio di tutti i topi prima e dopo il trattamento con la curcumina. I ricercatori hanno anche esaminato i campioni di fibre muscolari per valutare i livelli di espressione degli enzimi. Hanno trovato che l’espressione di Nrf2 aumentava e i livelli di enzimi antiossidanti miglioravano negli animali con insufficienza cardiaca a cui era stata somministrata la curcuminaInoltre, entrambi i gruppi che hanno ricevuto la curcumina – anche gli animali senza insufficienza cardiaca – hanno migliorato la capacità di esercizio rispetto ai gruppi non trattati, suggerendo che gli effetti della curcumina sul muscolo scheletrico non sono esclusivi dello scompenso cardiaco.

“Questi dati suggeriscono che l‘attivazione di Nrf2 nel muscolo scheletrico può rappresentare una nuova strategia terapeutica per migliorare … la qualità della vita nelle persone con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta.

Fonte: Physiology