Insufficienza cardiaca: il succo di barbabietola migliora la capacità di esercizio

Beetroot Juice

Gli integratori di succo di barbabietola possono aiutare a migliorare la capacità di esercizio nei pazienti con insufficienza cardiaca, secondo un nuovo studio proof-of-concept. La capacità di esercizio è un fattore chiave legato alla qualità della vita e alla sopravvivenza di questi pazienti. Lo studio ha esaminato l’impatto del nitrato alimentare sotto forma di supplementi di succo di barbabietola sulla capacità di esercizio di otto pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, una condizione in cui il muscolo cardiaco non si contrae in modo efficace. L’insufficienza cardiaca (IC) o scompenso cardiaco è una sindrome clinica complessa definita come l’incapacità del cuore di fornire il sangue in quantità adeguata rispetto all’effettiva richiesta dell’organismo. Decine di milioni di persone soffrono di insufficienza cardiaca. In circa la metà di tutte queste persone, la frazione di eiezione del cuore è ridotta. A causa della loro condizione, questi pazienti mostrano una respirazione affannosa, hanno  un picco di assorbimento di ossigeno ridotto e consumano più energia durante l’esercizio di quanto necessaria in condizioni normali. I ricercatori hanno scoperto che il supplemento di barbabietola ha comportato un aumento significativo della durata dell’allenamento e del picco di assorbimento di ossigeno durante l’esercizio. Questi miglioramenti non erano accompagnati da alcun cambiamento nelle risposte respiratorie dei pazienti e non vi era alcun cambiamento nella loro efficienza di esercizio, una misura di quanto lavoro esterno una persona ottiene per un certo apporto di energia.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Cardiac Failure.

“Le anomalie nelle risposte all’ esercizio fisico giocano un ruolo importante nella disabilità, perdita di indipendenza e ridotta qualità della vita che accompagnano l’insufficienza cardiaca”, ha detto Andrew Coggan, Professore associato presso il Dipartimento di Kinesiologia presso la Scuola di Educazione Fisica alla Indiana University e uno dei ricercatori che hanno condotto lo studio. “Forse ancora più importante è che l’innalzamento della domanda ventilatoria e la diminuzione del picco di assorbimento di ossigeno sono altamente predittivi della mortalità nei pazienti con insufficienza cardiaca”.

Un secondo aspetto importante dello studio è che non ci sono effetti collaterali indesiderati dall’assunzione di nitrato alimentare.

“I dati suggeriscono che l’integrazione alimentare può essere una valida aggiunta al trattamento per l’intolleranza all’esercizio fisico tra i pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta”, ha detto Coggan.

Sono necessari studi multicentrici per confermare i risultati proof-of-concept di questo studio e per determinare se il trattamento con nitrato alimentare a lungo termine migliora i livelli di attività fisica, la qualità della vita e forse anche la sopravvivenza nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta.

Fonte: Indiana University