In che modo la dieta influisce sulla salute mentale: quali sono le prove?

123251695-112ebae4-36d0-4e34-bb6b-9d49c91b4938

Una nuova recensione di esperti conferma che la dieta influenza in modo significativo la salute mentale e il benessere, ma avverte che l’evidenza di molte diete è relativamente debole.

Questa recensione, la panoramica più aggiornata del nuovo campo della psichiatria nutrizionale, è stata prodotta dalla rete dell’ European College of Neuropsychopharmacology (ECNP)ed è stata pubblicata sulla rivista peer-review europea Neuropsicofarmacologia.

L’autrice principale dello studio, la Prof.ssa Suzanne Dickson (Università di Göteborg, Svezia) ha dichiarato:“Abbiamo scoperto che vi sono prove crescenti di un legame tra una cattiva alimentazione e il peggioramento dei disturbi dell’umore, compresi ansia e depressione. Tuttavia, molte credenze comuni sugli effetti sulla salute di determinati alimenti non sono supportate da prove concrete“.

I ricercatori hanno scoperto che ci sono alcune aree in cui questo legame tra dieta e salute mentale è saldamente stabilito, come la capacità di una dieta ricca di grassi e povera di carboidrati (una dieta chetogenica) di aiutare i bambini con epilessia e l’effetto della carenza di vitamina B12 su stanchezza, scarsa memoria e depressione. I ricercatori hanno anche scoperto che ci sono buone prove che una dieta mediterranea, ricca di verdure e olio d’oliva, mostra benefici per la salute mentale e offre una certa protezione contro la depressione e l’ansia. Tuttavia, per molti alimenti o integratori, l’evidenza è inconcludente, come ad esempio per l’uso di integratori di vitamina D o alimenti che si ritiene siano associati all’ADHD o all’autismo.

Lo studio conferma che alcuni alimenti possono essere associati a una condizione di salute mentale, ma questo ci dice poco sul perché il cibo causi questo effetto. Conclude che la necessità di collegare gli effetti della salute mentale a cause alimentari dimostrabili deve essere al centro delle ricerche future della psichiatria nutrizionale.

Dickson ha continuato: “C’è una convinzione generale che i consigli dietetici per la salute mentale siano basati su solide prove scientifiche. In realtà, è molto difficile provare che diete specifiche o componenti dietetici specifici contribuiscono alla salute mentale”.

Gli scienziati hanno confermato che alcuni alimenti avevano legami facilmente dimostrabili con la salute mentale, ad esempio, che la nutrizione può avere effetti significativi sulla funzione cerebrale sia nella vita fetale che nella vita successiva. È stato più difficile dimostrare l’effetto della dieta sulla salute mentale nella popolazione generale. Suzanne Dickson ha dichiarato: “Negli adulti sani gli effetti dietetici sulla salute mentale sono piuttosto piccoli e ciò rende difficile il rilevamento di questi effetti: potrebbe essere che l’integrazione dietetica funzioni solo se ci sono carenze dovute a una dieta povera. Dobbiamo anche considerare la genetica: sottili differenze nel metabolismo possono significare che alcune persone rispondono meglio ai cambiamenti nella dieta rispetto ad altre”.

Commentando, il Presidente del comitato del programma scientifico dell’ECNP, il Professor Andreas Reif (Ospedale Universitario di Francoforte sul Meno) ha dichiarato: “L’interfaccia tra intestino e cervello da un lato e dieta e salute mentale dall’altro, sono le questioni più dibattute nella psichiatria biologica al momento, ed è uno sviluppo entusiasmante che ha guadagnato slancio nell’ultimo decennio. Molti risultati di alta qualità (principalmente provenienti da studi sugli animali) sono stati pubblicati su riviste di alto livello negli ultimi anni, ma ciò contrasta con la carenza comparativa di prove concrete su come la nutrizione e la salute mentale sono collegate negli esseri umani, lasciando spazio alla speculazione e alla scienza imperfetta”.

Questa revisione completa è stata quindi molto utile in quanto fa luce su ipotesi e speranze, fatti e finzione nel nuovo campo della psichiatria nutrizionale.

“Dato che il potenziale impatto sociale di questo campo in rapido sviluppo è enorme, dobbiamo essere scientificamente solidi nel rendere le nostre raccomandazioni. Questa recensione è un contributo importante e accademico “. Questo è un commento indipendente del Professor Reif che non è stato coinvolto in questo lavoro.

“Ci sono anche difficoltà pratiche che devono essere superate nel test delle diete. Un alimento non è un farmaco, quindi deve essere testato diversamente da un farmaco. Possiamo dare a qualcuno una pillola fittizia per vedere se c’è un miglioramento dovuto all’effetto placebo, ma non puoi facilmente dare cibo fittizio alle persone. La psichiatria nutrizionale è un nuovo campo. Il messaggio di questo documento è che gli effetti della dieta sulla salute mentale sono reali, ma dobbiamo stare attenti a saltare alle conclusioni sulla base di prove provvisorie. Abbiamo bisogno di ulteriori studi sugli effetti a lungo termine delle diete quotidiane. Con condizioni individuali, abbiamo spesso trovato prove contrastanti“, ha detto Suzanne Dickson. “Con l’ADHD per esempio, possiamo vedere un aumento della quantità di zucchero raffinato nella dieta sembra aumentare l’ADHD e l’iperattività, mentre mangiare più frutta e verdura fresca sembra proteggere da queste condizioni. Ma ci sono relativamente pochi studi e molti di essi non durano abbastanza a lungo da mostrare effetti a lungo termine “, ha aggiunto la ricercatrice.

Fonte, Neuropsicofarmacologia