Il tè verde Matcha uccide le cellule staminali tumorali nei test

newest-hot-sale-100-organic-matcha-green-tea-powder-matcha-powder-matcha-tea-powder

Il Matcha, il tè verde ricco di antiossidanti, è spesso acclamato per le sue proprietà che prevengono la malattia. Ora, gli scienziati della Università di Salford, Regno Unito, hanno gettato luce su questa affermazione testando il te’ verde sulle cellule staminali tumorali – con risultati sorprendenti. Nella ricerca pubblicata sulla rivista Aging, una squadra del Centro di ricerca biomedica dell’Università di Salford, ha usato il fenotipo metabolico sulle linee cellulari delle cellule staminali del cancro al seno e ha scoperto che il matcha “ha spostato le cellule tumorali verso uno stato metabolico quiescente” e ha interrotto la loro diffusione a una concentrazione relativamente bassa (0,2 mg / ml).

I ricercatori hanno anche scoperto che le vie di segnale che promuovono le cellule staminali cancerose hanno indicato che il matcha “ha fortemente influenzato i segnali mTOR, indebolendo i componenti del ribosoma 40S”. Ciò ha sollevato la possibilità che il matcha potesse essere usato al posto di farmaci chimici come la rapamicina. Michael Lisanti, Professore di medicina traslazionale al centro, ha spiegato: “Il tè verde Matcha è un prodotto naturale utilizzato come integratore alimentare con un grande potenziale per una vasta gamma di trattamenti, ma il meccanismo molecolare alla base di tutto ciò rimane in gran parte sconosciuto. Usando il fenotipo metabolico, abbiamo scoperto che il tè sopprime il metabolismo mitocondriale ossidativo – in altre parole, impedisce alle cellule di “rifornirsi di carburante“, e quindi, diventano inattive e muoiono. Gli effetti sulle cellule di cancro al seno umano sono stati molto evidenti, gli ingredienti attivi nel matcha hanno un effetto chirurgico nel knock out di alcuni percorsi di segnalazione. I nostri risultati sono coerenti con l’idea che il matcha possa avere un significativo potenziale terapeutico, mediando la riprogrammazione metabolica delle cellule tumorali “.

Il team, specializzato nella ricerca di metodi non tossici per uccidere le cellule staminali cancerose, ha recentemente scoperto che un ingrediente del tè Earl Grey, uccide le cellule tumorali e funziona come un agente anticolesterolo.

Fonte: Aging