Il gusto dolce regola la sazietà e riduce l’appetito

bigmac1-300x202-1

Il gusto dolce regola la sazietà e riduce l’appetito? Ad oggi, si sa molto poco su come la percezione della dolcezza contribuisca alla sazietà. Questo studio fornisce nuove informazioni sulla relazione tra il sapore dolce dello zucchero, l’assunzione di energia e il processo di regolazione della fame e della sazietà. Il sapore dolce dello zucchero è molto popolare in tutto il mondo. In Austria e Germania, l’assunzione annua pro capite ammonta rispettivamente a circa 33 e 34 chilogrammi. Pertanto, lo zucchero gioca un ruolo sempre più importante nella nutrizione e nella salute della popolazione, soprattutto per quanto riguarda il peso corporeo. Tuttavia, si sa poco sui meccanismi molecolari (gusto) dello zucchero che influenzano l’assunzione alimentare, indipendentemente dal suo carico calorico.

Recettore del gusto e regolazione della sazietà

“Abbiamo quindi studiato il ruolo dell’attivazione dei recettori del gusto dolce nella regolazione della sazietà”, afferma Veronika Somoza, viceDirettore del Dipartimento di chimica fisiologica dell’Università di Vienna e Direttore dell’Istituto Leibniz per la biologia dei sistemi alimentari presso l’Università tecnica di Monaco. A tal fine, gli scienziati hanno condotto uno studio di intervento incrociato in cieco con glucosio e saccarosio. Un totale di 27 persone sane, uomini tra i 18 ei 45 anni di età, hanno ricevuto una soluzione di glucosio o saccarosio al 10% (percentuale in peso) o una delle soluzioni zuccherine integrate con 60 ppm di lattisolo. Il lattisolo è una sostanza che si lega a una subunità del recettore del dolce e riduce la percezione del gusto dolce. Nonostante i diversi tipi di zucchero, tutte le soluzioni con o senza lattisolo avevano lo stesso contenuto energetico.

Spiegano i ricercatori:

“Il gusto dolce è discusso come fattore predittivo per il successivo consumo di cibo. In particolare, è stato ipotizzato che la dolcezza del saccarosio abbia un ruolo nell’induzione della sazietà, sebbene la base molecolare per modulare i processi regolatori sottostanti sia sconosciuta. La percezione della dolcezza è mediata dal recettore canonico del gusto dolce, un recettore accoppiato alla proteina G eterodimerico costituito dalle due subunità T1R2 e T1R3, di cui T1R3 è selettivamente mirato dall’antagonista lattisolo. Con una stimolazione del recettore del gusto dolce, la subunità α-gustducina della proteina G porta ad un’attivazione delle fibre nervose gustative attraverso una via di trasduzione del segnale, trasmettendo l’informazione al cervello attraverso il sistema nervoso centrale. Il controllo dell’assunzione di cibo è fondamentale per l’equilibrio energetico e regolato dalla sensazione di sazietà. La sazietà è definita come la sensazione di pienezza che persiste dopo aver terminato un pasto e porta all’interruzione del consumo di cibo.

In generale, il circuito della fame, del consumo di cibo, della sazietà sono un’interazione complessa tra i segnali centrali del cervello e i processi periferici coinvolti nell’omeostasi energetica. Gli ormoni peptidici derivati ​​dai tessuti gastrointestinali, come il peptide 1 simile al glucagone (GLP-1), la colecistochinina (CCK) e la grelina, sviluppano le loro proprietà anoressigeniche o oressigeniche principalmente tramite l’attivazione dei nervi afferenti addominali come il nervo vago. Inoltre, vi è una crescente evidenza di un ruolo regolatore della serotonina periferica non solo nella motilità gastrica, ma anche nella sazietà. Inoltre, è stato dimostrato che la termogenesi indotta dalla dieta è correlata alla sazietà nelle donne magre oltre 24 ore dopo aver ricevuto una dieta ricca di carboidrati / proteine ​​o ricca di grassi”.

Due ore dopo aver bevuto ciascuna delle soluzioni del test, ai partecipanti è stato permesso di fare tutta la colazione che volevano. Poco prima e durante il periodo di attesa di 120 minuti, i ricercatori hanno prelevato loro campioni di sangue a intervalli regolari e hanno misurato la loro temperatura corporea.

Ulteriori 100 chilocalorie in media

Dopo il consumo della soluzione di saccarosio contenente lattisolo, le persone del test hanno avuto un maggiore apporto energetico dalla colazione di circa il 13 percento, circa 100 chilocalorie in più, rispetto a dopo aver bevuto la soluzione di saccarosio senza lattisolo. Inoltre, i soggetti di questo gruppo hanno mostrato una temperatura corporea più bassa e concentrazioni di serotonina plasmatica ridotte. La serotonina è un neurotrasmettitore e ormone tissutale che, tra le altre cose, ha un effetto di soppressione dell’appetito. Al contrario, i ricercatori non hanno osservato differenze dopo la somministrazione della soluzione di glucosio contenente lattisolo e della soluzione di glucosio puro.

“Questo risultato suggerisce che il saccarosio, indipendentemente dal suo contenuto energetico, modula la regolazione della sazietà e dell’assunzione di energia tramite il recettore del gusto dolce“, afferma Barbara Lieder, capo del Christian Doppler Laboratory for Taste Research e anche vicedirettore del Dipartimento di Chimica Fisiologica della Facoltà di Chimica dell’Università di Vienna. Il primo autore dello studio, Kerstin Schweiger, dell’Università di Vienna aggiunge: “Non sappiamo ancora perché in quanto non abbiamo potuto osservare l’effetto del lattisolo con il glucosio. Tuttavia, sospettiamo che sia perché glucosio e saccarosio attivano il recettore del dolce in modi diversi e assumiamo anche che i meccanismi indipendenti dal recettore del dolce giochino un ruolo nella regolazione della sazietà”.

“Quindi c’è ancora molta ricerca necessaria per chiarire le complesse relazioni tra consumo di zucchero, recettori del gusto e regolazione della sazietà a livello molecolare”, afferma Veronika Somoza. In particolare, poiché i recettori dolci si trovano anche nel tratto digerente e poco si sa sulla loro funzione lì. Tuttavia i primi passi sono stati compiuti.

Fonte:Nutrients