Il cumino : tradizionale rimedio ricco di antiossidanti

cumino

Il cumino è ampiamente utilizzato nella medicina tradizionale per curare una serie di malattie come la vitiligine e l’iperglicemia. E’ considerato antiparassitario ed antimicrobico e la scienza ha sostenuto il suo utilizzo per controllare la febbre e come antidolorifico. Una ricerca pubblicata sulla rivista BioMed Central,dimostra che questa umile spezie, contiene anche alti livelli di antiossidanti. Specie reattive dell’ossigeno (ROS), note come radicali liberi, sono prodotte come parte dei processi metabolici necessari alla vita. Lo stress ossidativo tuttavia, è causato dalla eccessiva produzione o sottorimozione  di questi radicali liberi ed è coinvolto in un certo numero di malattie, compresa l’arteriosclerosi, la malattia degenerativa neurale, l’infiammazione e il cancro. Gli antiossidanti sono necessari per ridurre lo stress ossidativo assorbire radicali liberi e prevenire malattie. I composti polifenolici di piante sono spesso considerati antiossidanti. I ricercatori, in India, hanno utilizzato tecniche biomediche e biologiche per dimostrare che i semi di cumino, un membro della famiglia delle margherite, sono una ricca fonte di antiossidanti fenolici. Nei test biologici, il cumino ha inibito l’ossidazione di liposomi e offerto protezione completa contro il danneggiamento del DNA.

Fonte: medimagazine.it