Il consumo di cereali integrali migliora la risposta immunitaria

cereali-integrali-600x397

Un nuovo studio mette in evidenza i vantaggi del consumo di cereali integrali rispetto ai cereali raffinati e suggerisce che il consumo di cereali integrali migliora la risposta immunitaria.

L’autore senior dello studio, Simin Nikbin Meydani del Jean Mayer USDA Human Nutrition Research Center on Aging alla Tufts University e colleghi, hanno pubblicato i loro risultati nel Journal of Clinical Nutrition .

Ci sono tre componenti che costituiscono il grano – la crusca, germe e endosperma. Il grano intero contiene tutti tre i componenti, mentre nel grano elaborato, crusca e germe vengono rimossi. Grano integrale, avena, segale, orzo, riso e quinoa sono tutti esempi di prodotti integrali, mentre i prodotti raffinati comprendono farina di frumento, riso bianco, pane bianco…I cereali integrali sono considerati una parte fondamentale di una dieta salutare. Secondo l’ American Heart Association, essi possono contribuire a migliorare i livelli di colesterolo oltre a ridurre il rischio di obesità, malattie cardiache, ictus e diabete di tipo 2.

Studi precedenti hanno suggerito che per produrre tali benefici, i cereali integrali riducono l’infiammazione. Meydani e colleghi hanno indagato ulteriormente questa associazione in uno studio che ha confrontato gli effetti dei cereali integrali e cereali raffinati sulle risposte immunitarie e infiammazione. Lo studio di 8 settimane ha coinvolto 81 adulti sani, i quali hanno consumato una dieta ricca di cereali raffinati per le prime 2 settimane. Per le restanti 6 settimane, 40 dei partecipanti allo studio hanno seguito una dieta ricca di cereali raffinati, mentre i restanti 41 partecipanti sono stati sottoposti a una dieta ricca di cereali integrali. Tutti i pasti erano preparati da personale qualificato, in linea con le Dietary Guidelines for Americans ed erano stati progettati per il mantenimento costante del peso corporeo. Il team spiega che questo percorso era molto importante nella sperimentazione perché gli studi precedenti avevano dimostrato che aumentando l’assunzione di cereali integrali i soggetti perdevano peso, il che ha reso difficile determinare se la riduzione dell’infiammazione era dovuta al consumo di cereali integrali o alla perdita di peso. Inoltre, ad ogni partecipante è stato chiesto di evitare di utilizzare qualsiasi farmaco anti-infiammatorio nelle 72 ore prima del prelievo dei campioni di sangue.

La dieta con cereali integrali ha portato ad un aumento delle cellule T

Per valutare come ogni dieta ha influenzato la flora intestinale, i ricercatori hanno analizzato campioni di feci dei partecipanti, mentre i campioni di sangue sono stati utilizzati per valutare le risposte immunitarie. Rispetto ai partecipanti che hanno consumato la dieta ricca di cereali raffinati, coloro che hanno consumato una dieta ricca di cereali integrali hanno mostrato un aumento di un tipo di batteri chiamati Lachnospira che è noto per la produzione di acidi grassi a catena corta. Il team spiega che gli acidi grassi a catena corta sono importanti per un sistema immunitario sano.

Inoltre, i soggetti che hanno consumato la dieta ricca di cereali integrali hanno mostrato una riduzione degli enterobatteri – i batteri che causano l’infiammazione.

Sulla valutazione dei campioni di sangue di entrambi i gruppi, il team ha scoperto che i soggetti che hanno consumato la dieta ricca di cereali integrali hanno mostrato un aumento delle cellule T, un tipi di globuli bianchi che allontana le infezioni.

I ricercatori spiegano che le differenze nella flora intestinale e nelle risposte immunitarie nei due gruppi sono risultate modeste, ma le loro scoperte gettano luce su come i cereali integrali influenzano l’infiammazione. “La forza di questo studio è che abbiamo trovato effetti modesti del grano intero sulla flora intestinale e sulla funzione immunitaria nel contesto di una dieta controllata in cui tutto il cibo fornito ai partecipanti ha permesso loro di mantenere il peso corporeo costante, eliminando così l’effetto confondente della perdita di peso associata all’aumento del consumo di fibre sui marker infiammatori e immunitari “, dice Meydani.

“Inoltre, il nostro studio ci ha permesso di determinare con maggiore precisione, l’effetto dei cereali integrali  sulla flora intestinale e risposte infiammatorie”.

Fonte: Medicalnews