I benefici del vino rosso sono legati a una migliore salute dell’intestino

vino-rosso-768x554

Uno studio del King’s College di Londra ha scoperto che le persone che bevevano vino rosso avevano una maggiore diversità del microbiota intestinale (un segno di salute dell’intestino) e livelli più bassi di obesità e colesterolo “cattivo”.

In un articolo pubblicato oggi sulla rivista Gastroenterology, un team di ricercatori del Dipartimento di epidemiologia genetica del il King’s College di Londra ha esplorato l’effetto della birra, del sidro, del vino rosso, del vino bianco e degli alcolici, sul microbioma intestinale (GM) e successiva salute, in un gruppo di 916 gemelle del Regno Unito.

I ricercatori hanno scoperto che il microbiota dei bevitori di vino rosso era più diversificato rispetto ai bevitori di vino non rosso. Ciò non è stato osservato con il consumo di vino bianco, birra o alcolici.

La prima autrice dello studio, la Dott.ssa Caroline Le Roy del King’s College di Londra ha dichiarato: “Mentre conosciamo da tempo i benefici inspiegabili del vino rosso sulla salute del cuore, questo studio dimostra che un consumo moderato di vino rosso è associato a una maggiore diversità e a un più sano microbiota intestinale che spiega in parte i suoi effetti benefici a lungo dibattuti sulla salute “.

Il microbioma è la raccolta di microrganismi in un ambiente e svolge un ruolo importante nella salute umana. Uno squilibrio di microbi “buoni” rispetto a quelli “cattivi” nell’intestino, può portare a risultati negativi sulla salute come riduzione del sistema immunitario, aumento di peso o colesterolo alto.

Il microbioma intestinale di una persona con un numero più elevato di diverse specie batteriche è considerato un indicatore della salute intestinale.

Il team ha osservato che il microbiota intestinale dei consumatori di vino rosso conteneva un numero maggiore di diverse specie batteriche rispetto ai non consumatori. Questo risultato è stato osservato anche in tre diverse coorti nel Regno Unito, negli Stati Uniti e nei Paesi Bassi. Gli autori hanno tenuto conto di fattori quali l’età, il peso, la dieta regolare e lo stato socioeconomico dei partecipanti e hanno continuato a vedere l’associazione. Gli autori ritengono che il motivo principale dell’associazione sia dovuto ai numerosi polifenoli nel vino rosso. I polifenoli sono sostanze chimiche di difesa naturalmente presenti in molti tipi di frutta e verdure. Hanno molte proprietà benefiche (inclusi gli antiossidanti) e agiscono principalmente come carburante per i microbi presenti nel nostro sistema. Il principale autore dello studio, il Professor Tim Spector del King’s College di Londra, ha dichiarato: “Questo è uno dei più grandi studi sugli effetti del vino rosso sull’ intestino che ha coinvolto quasi tremila persone in tre diversi paesi e fornisce approfondimenti che dimostrano che gli alti livelli di polifenoli nella buccia dell’uva potrebbero essere responsabili di molti dei controversi benefici per la salute“.

Lo studio ha anche scoperto che il consumo di vino rosso era associato a livelli più bassi di obesità e colesterolo “cattivo”, in parte dovuti al microbiota intestinale. “Sebbene abbiamo osservato un’associazione tra il consumo di vino rosso e la diversità del microbiota intestinale, bere vino rosso raramente, una volta ogni due settimane, sembra essere sufficiente per osservare l’effetto. Se oggi devi scegliere una bevanda alcolica, il vino rosso è il numero uno da scegliere in quanto sembra potenzialmente esercitare un effetto benefico su di te e sui microbi intestinali, che a loro volta possono anche aiutare a perdere peso e ridurre il rischio di malattie cardiache. Tuttavia, si consiglia comunque di consumare alcol con moderazione “, ha aggiunto il Dr. Le Roy.

Fonte, Medicalxpress