Esiste un legame tra dieta ricca di colesterolo e cancro del colon

uclastudycou-600x365

Immagine: una macchia blu pallida mostra cellule staminali che si moltiplicano nell’intestino di un topo. Credito: Tontonoz lab / UCLA.

Una nuova ricerca della UCLA potrebbe aiutare a spiegare il legame tra una dieta ricca di colesterolo e un elevato rischio di cancro al colon. In uno studio sui topi, gli scienziati della Scuola di Medicina David Geffen della UCLA hanno scoperto che l’aumento dei livelli di colesterolo negli animali ha spinto le cellule staminali intestinali a dividersi più rapidamente, consentendo ai tumori di formarsi 100 volte più velocemente.

Pubblicato online su Cell Stem Cell, lo studio identifica un percorso molecolare che potrebbe servire come nuovo bersaglio per il trattamento del cancro del colon .

“Abbiamo scoperto che il colesterolo influenza la crescita delle cellule staminali nell’intestino, che a loro volta accelerano il tasso di formazione del tumore di oltre 100 volte“, ha affermato il Dr. Peter Tontonoz, Professore della medical school’s Frances and Albert Piansky. “Mentre la connessione tra il colesterolo alimentare e il cancro del colon è ben consolidata, nessuno ha precedentemente spiegato il meccanismo dietro di essa“.

Gli scienziati hanno aumentato il colesterolo nelle cellule staminali intestinali in alcuni topi introducendo più della sostanza nella loro dieta. In altri, i ricercatori hanno alterato un gene che regola i fosfolipidi, il tipo principale di grasso nelle membrane cellulari che ha stimolato le cellule a produrre più colesterolo da sole.

La capacità delle cellule staminali di moltiplicarsi è aumentata in entrambi i gruppi.

Man mano che i livelli di colesterolo degli animali aumentavano, le loro cellule si dividevano più rapidamente, causando l’allargamento delle budella e l’allungamento dell’intestino. Questi cambiamenti hanno accelerato significativamente il tasso di formazione del tumore. Il team dell’UCLA esplorerà se il percorso molecolare che hanno scoperto gioca un ruolo simile nell’accelerare la crescita di altri tumori.

Fonte: UCLA Newsroom