Diversi zuccheri, diversi rischi per il fegato

download-55

Se sei uno dei due miliardi di persone al mondo che sono troppo pesanti o obese o di un miliardo di persone con malattie epatiche come la malattia del fegato grasso, il primo consiglio del medico è quello di “tagliare le calorie” – – e soprattutto ridurre gli zuccheri concentrati come lo sciroppo di mais o fruttosio, uno zucchero presente nelle bevande zuccherate e in molti altri alimenti trasformati. I ricercatori del Joslin Diabetes Center hanno ora dimostrato che i topi alimentati con una dieta grassa e con alti livelli di fruttosio, hanno subito effetti metabolici molto peggiori di quelli alimentati con glucosio (l’altro componente dello zucchero da tavola). Gli scienziati hanno continuato a individuare processi biologici che aiutano a spiegare i diversi risultati.

“Anche se la malattia del fegato grasso di solito non progredisce in livelli pericolosi di infiammazione epatica, la condizione è una preoccupazione crescente perché i suoi tassi si affiancano a quelli dell’epidemia mondiale dell’obesità”, afferma Samir Softic, primo autore dell’articolo pubblicato sul Journal of Clinical Investigation che descrive la ricerca.

“Inoltre, la condizione è diventata una preoccupazione particolare per i bambini”, sottolinea Softic, ricercatore del laboratorio di C. Ronald Kahn e gastroenterologo pediatrico del Boston Children’s Hospital. I ricercatori del Joslin hanno sperimentato in un modello di topo utilizzato per studiare l’obesità, il diabete di tipo 2, la malattia del fegato grasso e altre malattie metaboliche. Questi animali sono stati somministrati con due diete a base di alto contenuto di grassi e hanno bevuto acqua zuccherata con fruttosio o glucosio.

“Confrontando queste diete “abbiamo potuto capire meglio il ruolo del fruttosio rispetto al glucosio nella dieta e quali sono i suoi effetti quando viene aggiunto ad una dieta normale rispetto a una dieta ad alto contenuto di grassi”, dice Kahn.

Dopo oltre 10 settimane, nessuno degli animali alimentati con una dieta regolare ha sviluppato la resistenza all’insulina (fattore chiave della malattia metabolica). Tra gli animali alimentati con una dieta ad alto contenuto di grassi, tuttavia, sono emerse differenze significative tra quelli che hanno bevuto acqua con fruttosio o glucosio.

“Il fruttosio è stato associato a risultati metabolici peggiori”, spiega Softic. I topi alimentati con una dieta ad alta percentuale di grassi e fruttosio sono diventati molto più obesi e più insulino-resistenti rispetto ai loro coetanei alimentati con dieta normale e glucosio. E mentre entrambi i gruppi di animali hanno aggiunto grasso ai loro fegati, la composizione del grasso era piuttosto diversa. I ricercatori hanno anche scoperto che la produzione di un enzima chiamato Khk (cheto esochinasi), richiesto per la prima fase del metabolismo del fruttosio è aumentata nei fegati di topi che hanno bevuto fruttosio. Quando gli scienziati hanno esaminato campioni di fegato da adolescenti obesi con malattie epatiche, hanno trovato anche livelli più alti di Khk. L’enzima Khk è particolarmente importante per il metabolismo del fruttosio, ma non del glucosio. (“Anche se il fruttosio e il glucosio sono entrambi zuccheri, le cellule li gestiscono in modo molto diverso”, dice Kahn). La scoperta può offrire un obiettivo per bloccare il metabolismo del fruttosio. Per seguire questa possibilità, il team del Joslin ha collaborato con ricercatori dell’Alnylam Pharmaceuticals a Cambridge, per ridurre la produzione della proteina Khk nel fegato. Il trattamento ha ridotto il peso del fegato e ha migliorato la tolleranza al glucosio tra i topi alimentati con una qualsiasi dieta, ma soprattutto tra i topi alimentati con una dieta ad alto contenuto di grassi / e alto contenuto di fruttosio. In futuro, i ricercatori continueranno ad esplorare il percorso biologico di Khk e cercheranno altri obiettivi molecolari promettenti per il trattamento della malattia epatica. Quasi tutte le persone obese con diabete “aggiungono un po’ di grasso ai loro fegati. Queste persone sono più a rischio di sviluppare malattie epatiche grasse, proprio come quelli con malattie epatiche grasse sono più a rischio di sviluppare il diabete, poiché l’obesità è un fattore predisponente per entrambe le condizioni”, spiega Softic. La malattia affligge persone di ogni età, ma è diventata un problema in particolare per i bambini, ora che circa un quinto dei bambini americani in età scolare sono obesi, secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Fonte: EurekAlert