Diabete, un tatuaggio controlla i livelli di glucosio

16240068472_19ab9a333b_z-200x300

 

Chi è affetto da diabete lo sa bene: il rituale quotidiano di dover pungere con un ago il proprio dito per misurare i livelli di glucosio nel sangue si rivela spesso poco pratico, oltre che doloroso. Ma, secondo uno studio pubblicato su Analytical Chemistry, potrebbe esserci una soluzione: basterebbe infatti applicare sulla pelle un piccolo cerotto, stile tattoo, facile da applicare e poco appariscente, progettato per estrarre e misurare i livelli di zuccheri nel sangue. A realizzarlo è stato un team di nanoingegneri della University of California San Diego. L’invenzione promette di essere la prima tecnica non invasiva per il monitoraggio del diabete, una malattia che solo in Italia si stima colpisca circa 4 milioni di persone. Il dispositivo presentato nello studio è formato da un piccolo sensore e una serie di elettrodi stampati su carta “da tatuaggi”, un tipo di carta speciale utilizzata per stampare tatuaggi temporanei tramite delle particolari stampanti. Ma come funziona questo tattoo per diabetici? Una debole tensione elettrica viene applicata alla pelle e ne estrae i fluidi; a questo punto il sensore, che contiene un enzima specifico in grado di reagire alla presenza del glucosio, misura la concentrazione di zuccheri nel sangue. Per provare l’efficienza del dispositivo, gli scienziati lo hanno testato su sette diversi candidati, in seguito a un pasto abbondante. I livelli di glucosio misurati combaciavano con quelli ottenuti tramite la tradizionale misurazione effettuata con la puntura sul dito. “C’e’ ancora del lavoro da fare per rendere l’apparecchio idoneo per l’uso continuativo,” ha spiegato Joseph Wang, uno degli autori dello studio, aggiungendo che il suo dipartimento sta anche sviluppando uno strumento in grado di mostrare il risultato numerico della misurazione su un display (per ora infatti i livelli di glucosio sono mostrati sulla carta del tatuaggio), oltre che a inviare l’informazione al medico in tempo reale tramite Bluetooth. Una volta ottimizzato, questo tatuaggio potrebbe rivelarsi un’alternativa più economica alle strisce per la misurazione della glicemia, che in Italia costano in media quasi 50 centesimi ciascuna. Rimuovere questo costo e rendere la misurazione della glicemia una tecnica meno dolorosa e scomoda avrebbe inoltre l’effetto positivo di incoraggiare i diabetici ad osservare con più costanza il monitoraggio della glicemia.

Riferimenti: Analytical Chemistry doi: 10.1021/ac504300n

Credits immagine: UC San Diego Jacobs School of Engineering via Flickr

Fonte: galileonet.it