Datteri e anemia: ottima fonte di ferro, vitamine e fibre

datteri-ragioni-per-consumare

I datteri sono un frutto eccezionale, altamente digeribile e utile a ridurre il senso di fame. Viste tutte le sostanze nutritive in essi contenute, possiamo dire che questo frutto è da considerarsi alla stregua di un multivitaminico, utile per piccoli e grandi. Non contengono colesterolo, sono poveri di grassi e costituiscono una ottima fonte di vitamine, fibre e minerali. Inoltre, sono utili nel trattamento di diversi disturbi, come problemi intestinali e anemie.

Datteri contro la mancanza di ferro

Come accennato prima, i datteri contengono un eccezionale quantitativo di ferro, per questo diventano un frutto indispensabile per chi soffre di anemia.

Utili per la salute degli occhi

I datteri contengono luteina e zeaxantina, sostanze spesso definite “vitamine per gli occhi”. Come abbiamo già visto quando abbiamo parlato degli spinaci crudi, la luteina in particolare è importante per la retina dell’occhio, perché previene la degenerazione maculare, il glaucoma e la cataratta.

Per combattere la stipsi

Questo frutto aiuta a combattere i problemi intestinali, regolarizzando la motilità. Aiuta a digerire il cibo più velocemente e favorisce l’espulsione delle tossine dal corpo. Un possibile rimedio per combattere la stipsi è lasciare un paio di datteri in ammollo in un bicchiere d’acqua per tutta la notte e bere poi il contenuto del bicchiere la mattina seguente. Il succo rilasciato nel liquido è un ottimo lassativo e aiuterà il vostro intestino a lavorare meglio.

Per regolare il peso

Grazie soprattutto alle fibre contenute al loro interno, i datteri aiutano a mantenere il senso di sazietà più a lungo, favorendo il processo di perdita di peso. Mangiati a stomaco vuoto, ad esempio, aiutano anche a regolare i livelli di zucchero nel sangue. Possono essere uno spuntino salutare, soprattutto se si fa attenzione a evitare i prodotti che contengono additivi artificiali e sciroppo di glucosio. Sempre senza esagerare però!

Rafforzano il cuore

Questo alimento contiene una buona fonte di potassio ed è allo stesso tempo povero di sodio. Ciò rende i datteri utili per favorire il buon funzionamento del cuore e della circolazione del sangue.

Per ridurre la pressione sanguigna

Come abbiamo appena detto, questi frutti contengono piccole quantità di sodio, ma sono ricchi di minerali utili a regolare la pressione sanguigna. Una porzione composta da 5-6 datteri contiene circa 80 mg di magnesio, essenziale al funzionamento dei vasi sanguigni. L’utilità del magnesio nella cura dell’ipertensione è confermata anche da alcune ricerche.

Fonte immediata di energia

I datteri contengono buone riserve di zuccheri naturali. Quando si è molto affaticati, il nostro corpo sente l’esigenza di consumare cibi zuccherati. La scelta più sana, ricade proprio sui datteri che, pur essendo molto dolci, hanno un basso indice glicemico, che consente il lento rilascio  degli zuccheri, mantenendo i livelli di energia costanti.

Afrodisiaco naturale

Secondo la tradizione indiana, i datteri sarebbero un ottimo rimedio afrodisiaco. Basta immergere una manciata di questi frutti nel latte di capra per tutta la notte. Il mattino successivo, il contenuto del bicchiere deve essere frullato e bevuto, aggiungendo un po’ di miele e semi di cardamomo. Il latte di capra, per chi è curioso di provare, può essere sostituito con del latte vegetale.

I datteri possono essere un ottimo sostituto dello zucchero, basta ammorbidirli in acqua, frullarli e usarli per dolcificare bevande naturali e cibi. L’importante è sempre scegliere prodotti di provenienza biologica, essiccati al sole e non trattati con sostanze industriali.

(Foto in evidenza: Alex Proimos; foto interna: Mariluna)

Fonte: ambientebio.it