Contrariamente a quanto si pensava, il caffè non danneggia le arterie

Sugar Drink Coffee Espressotasse Espresso

Bere caffè potrebbe tenerci svegli di notte, ma una nuova ricerca ci ha dato una ragione per dormire tranquilli: la bevanda popolare non fa male alle nostre arterie come suggerito da alcuni studi precedenti.

La ricerca della Queen Mary University di Londra ha dimostrato che bere caffè, anche in persone che bevono fino a 25 tazze al giorno, non è associato ad arterie più rigide. La ricerca, guidata dal Professor Steffen Petersen, è stata presentata alla British Cardiovascular Society (BCS) Conference di Manchester e parzialmente finanziata dalla British Heart Foundation (BHF). Le arterie trasportano sangue contenente ossigeno e sostanze nutritive dal cuore al resto del corpo. Se diventano rigide, possono aumentare il carico di lavoro sul cuore e aumentare la probabilità di avere un infarto o ictus. Lo studio su oltre 8.000 persone nel Regno Unito ridimensiona gli studi precedenti che sostenevano che bere caffè aumentasse la rigidità arteriosa. I precedenti suggerimenti che l’assunzione di caffè porta ad arterie più rigide sono incoerenti e potrebbero essere limitati da numeri di partecipanti bassi, secondo il team che ha condotto questa nuova ricerca. Il consumo di caffè è stato suddiviso in tre gruppi per lo studio: quelli che bevono meno di una tazza al giorno, quelli che bevono da una a tre tazze al giorno e quelli che ne bevono più di tre. Le persone che hanno consumato più di 25 tazze di caffè al giorno sono state escluse, ma nessun irrigidimento aumentato delle arterie è stato associato a coloro che hanno bevuto fino a questo limite superiore rispetto a quelli che hanno bevuto meno di una tazza al giorno. Le associazioni tra bere caffè e le misure di rigidità delle arterie sono state corrette per fattori quali età, sesso, etnia, abitudine al fumo, altezza, peso, assunzione di alcol, alimentazione e pressione alta. Degli 8.412 partecipanti sottoposti a scansioni cardiache con risonanza magnetica e test delle onde a impulsi infrarossi, la ricerca ha mostrato che i bevitori moderati e pesanti di caffè avevano più probabilità di essere maschi, fumare e consumare alcol regolarmente. Il Dr. Kenneth Fung, che ha condotto l’ analisi dei dati per la ricerca presso la Queen Mary University di Londra, ha dichiarato:

“Nonostante l’enorme popolarità del caffè in tutto il mondo, diversi rapporti potrebbero allontanare le persone dal goderne: anche se non possiamo dimostrare un nesso causale in questo studio, la nostra ricerca indica che il caffè non è così male per le arterie come suggerito da studi precedenti. Sebbene il nostro studio includesse individui che bevono fino a 25 tazze al giorno, l’assunzione media tra il gruppo di consumo di caffè più alto era di 5 tazze al giorno. Vorremmo studiare queste persone più da vicino nel nostro lavoro futuro in modo da poter aiutare a consigliare limiti di sicurezza”.

Il Professor Metin Avkiran, Direttore medico associato presso la British Heart Foundation, ha dichiarato:

“Comprendere l’impatto che il caffè ha sul cuore e sul sistema circolatorio è qualcosa che i ricercatori e i media hanno portato avanti da tempo. Ci sono diversi studi contrastanti che dicono cose diverse sul caffè, e può essere difficile filtrare ciò che dovremmo credere e ciò che non dovremmo.Questa ricerca spera di mettere alcuni dei resoconti dei media in prospettiva, in quanto esclude uno dei potenziali effetti negativi del caffè sulle nostre arterie“.

Fonte, Science Daily