Composto naturale nelle verdure aiuta a combattere la malattia del fegato grasso non alcolica

cavolo-696x496-1

Un nuovo studio condotto dagli scienziati della Texas A&M AgriLife Research mostra come un composto naturale presente in molte verdure ben note e ampiamente consumate possa essere utilizzato anche per combattere la malattia del fegato grasso non alcolica.

Lo studio dimostra come la malattia del fegato grasso non alcolica o NAFLD, può essere controllata dall’indolo, un composto naturale presente nei batteri intestinali e nelle verdure crocifere come cavoli, cavolfiori e cavoletti di Bruxelles. Lo studio spiega anche come questo composto naturale può portare a nuovi trattamenti o misure preventive per la NAFLD.

Lo studio è stato recentemente pubblicato in Epatology.

Sulla base di questa ricerca, riteniamo che alimenti sani con un’elevata capacità di produzione di indolo siano essenziali per prevenire la NAFLD e siano utili per migliorare la salute di coloro che ne sono affetti“, ha affermato Chaodong Wu, MD, Ph.D., Texas A&M AgriLife Research Fellow e ricercatore principale dello studio. “Questo è un altro esempio di come la dieta può aiutare a prevenire o curare le malattie e migliorare il benessere dell’individuo”.

Informazioni su NAFLD e indolo

La malattia del fegato grasso non alcolica è una malattia del fegato caratterizzata dall’accumulo di grasso, a volte a causa di un’alimentazione non salutare, come l’assunzione eccessiva di grassi saturi. Se non adeguatamente affrontata, questa condizione può portare a malattie del fegato potenzialmente letali, tra cui cirrosi o cancro al fegato. Molti fattori diversi contribuiscono alla NAFLD. Il fegato grasso è da 7 a 10 volte più comune nelle persone con obesità rispetto alla popolazione generale. Inoltre, l’obesità provoca infiammazione nel corpo. A guidare questa infiammazione sono i macrofagi, i tipi di globuli bianchi che normalmente combattono le infezioni. Questa infiammazione aggrava il danno epatico nelle persone con malattia epatica.

I batteri intestinali possono anche avere un effetto, positivo o negativo, sulla progressione della malattia del fegato grasso. Questi batteri producono molti composti diversi, uno dei quali è l’indolo. Questo prodotto dell’aminoacido triptofano è ritenuto dai nutrizionisti clinici e dagli scienziati nutrizionisti, ricco di benefici preventivi e terapeutici per le persone con NAFLD.

Il National Cancer Institute rileva anche che l’indole-3-carbinolo presente nelle verdure crocifere, ha proprietà antinfiammatorie e antitumorali.

Uno studio completo sulla malattia del fegato grasso

Il presente studio ha esaminato l’effetto delle concentrazioni di indolo su persone, modelli animali e singole cellule per aiutare a determinare l’effetto dell’indolo sull’infiammazione del fegato e i suoi potenziali benefici per le persone con NAFLD. Ha valutato la misura in cui l’indolo allevia la malattia del fegato grasso non alcolica, incorporando precedenti risultati su batteri intestinali, infiammazione intestinale e infiammazione del fegato. Ha anche incorporato le indagini su come l’indolo migliora il fegato grasso nei modelli animali. I ricercatori hanno studiato gli effetti dell’indolo sugli individui con fegato grasso. Dato che il collaboratore alla ricerca Qifu Li, M.D., era anche medico presso la Chongqing Medical University in Cina, il team ha deciso che avrebbe dovuto condurre la ricerca clinica utilizzando partecipanti cinesi.

In 137 soggetti, il team di ricerca ha scoperto che le persone con un indice di massa corporea più elevato tendevano ad avere livelli più bassi di indolo nel sangue. Inoltre, i livelli di indolo in coloro che erano clinicamente obesi erano significativamente più bassi di quelli che erano considerati magri. E in quelli con livelli di indolo più bassi, c’era anche una maggiore quantità di deposito di grasso nel fegato.

Per determinare ulteriormente l’impatto dell’indolo, il team di ricerca ha utilizzato modelli animali alimentati con una dieta a basso contenuto di grassi come controllo e dieta ricca di grassi per simulare gli effetti della NAFLD.

Il confronto tra modelli animali alimentati con una dieta povera di grassi e una dieta ricca di grassi ci ha permesso di comprendere meglio in che modo l’indolo è rilevante per la NAFLD“, ha dichiarato Gianfranco Alpini, MD, collaboratore di studio ed ex illustre Prof. del Texas A&M Health Science Center, ora Direttore dell’Indiana Center for Liver Research. Alpini ha affermato che il trattamento di modelli animali simil-NAFLD con indolo ha ridotto significativamente l’accumulo di grasso e l’infiammazione nel fegato. Il team di ricerca ha anche studiato in che modo l’indolo ha influenzato le singole cellule. Shannon Glaser, M.D., Professore del Texas A&M Health Science Center, ha affermato che oltre a ridurre la quantità di grasso nelle cellule del fegato, l’indolo agisce anche sulle cellule dell’intestino, che inviano segnali molecolari che smorzano l’infiammazione.Il legame tra intestino e fegato aggiunge un ulteriore livello di complessità agli studi sulla malattia del fegato grasso non alcolica e sono necessari ulteriori studi futuri per comprendere appieno il ruolo dell’indolo”, ha detto Glaser.

Sono necessarie ulteriori ricerche nutrizionali

Gli alimenti con un’alta capacità di produzione di indolo o medicinali che ne imitano gli effetti possono essere nuove terapie per il trattamento della NAFLD“, ha affermato Wu, aggiungendo che la prevenzione è un altro aspetto importante da considerare. “Prevenire lo sviluppo e la progressione della malattia del fegato grasso non alcolica può dipendere da approcci nutrizionali per garantire che i microbi intestinali consentano all’indolo e ad altri metaboliti di funzionare efficacemente”, ha affermato il ricercatore. “Sono necessarie ricerche future per studiare in che modo alcune diete potrebbero essere in grado di raggiungere questo obiettivo”.

Wu ha affermato che spera di collaborare con scienziati dell’alimentazione e nutrizionisti clinici per esaminare quali alimenti sani possono alterare il microbiota intestinale e aumentare la produzione di indolo.

Fonte, Hepatology