Come il tessuto adiposo bruno reagisce a un pasto ricco di carboidrati

pasta_tonno_pomodoro_06

Il grasso bruno consuma energia, motivo per cui potrebbe essere importante per prevenire l’obesità e il diabete. Lavorando insieme a un team internazionale, i ricercatori dell’Università Tecnica di Monaco (TUM) sono stati in grado di dimostrare che il cibo aumenta anche la termogenesi del grasso bruno e non solo il freddo, come precedentemente ipotizzato. Il tessuto adiposo bruno negli esseri umani è stato oggetto di numerosi studi, poiché ha l’esatta funzione opposta del tessuto adiposo bianco che immagazzina energia sotto forma di grassi di stoccaggio chiamati triacilgliceridi. In particolare, il grasso bruno brucia l’energia dei triacilgliceridi (termogenesi). Tuttavia, l’attività di questo tessuto adiposo fisiologicamente molto favorevole cambia nel tempo: diminuisce con l’età, proprio come nei soggetti obesi e nei diabetici. Quindi, vengono ricercati modi per indurre la termogenesi nel grasso bruno che può essere utilizzato per prevenire l’obesità e il diabete.

Ad oggi, solo una opzione è stata riconosciuta in questo contesto: termogenesi indotta dal freddo. 

“Gli studi hanno dimostrato che i partecipanti che hanno trascorso diverse ore in una camera fredda ogni giorno, non solo hanno sperimentato un aumento della produzione di calore dal grasso bruno quando si sono abituati alle temperature più basse, ma anche un miglioramento nel controllo dello zucchero nel sangue attraverso l’insulina”, riferisce il Professor Martin Klingenspor, capo della cattedra di medicina nutrizionale molecolare presso il centro Else Kröner-Fresenius della TU di Monaco.

Pasto ricco di carboidrati efficace quanto gli stimoli freddi

L’attuale studio dell’Università di Turku in collaborazione con esperti internazionali, tra cui il Professor Martin Klingenspor con il suo team del Centro Else Kröner-Fresenius di TUM, ha indagato come un pasto ricco di carboidrati influenza l’attività del tessuto adiposo bruno. “Per la prima volta è stato dimostrato che la generazione di calore nel tessuto adiposo bruno potrebbe essere attivata da un pasto proprio come dall’ esposizione al freddo”, ha detto Klingenspor, riassumendo i risultati. Per lo studio, gli stessi soggetti sono stati esaminati due volte: una volta dopo l’esposizione a uno stimolo freddo e una seconda volta dopo l’ingestione di un pasto ricco di carboidrati. Inoltre, è stato incluso un gruppo di controllo. Marcatori importanti per la termogenesi sono stati misurati prima e dopo il pasto e non solo includevano l’assorbimento di glucosio e acidi grassi, ma anche il consumo di ossigeno nel grasso bruno. Per fare ciò, i ricercatori hanno utilizzato la calorimetria indiretta in combinazione con la tomografia ad emissione di positroni e la tomografia computerizzata (PET / CT).

“Il dieci per cento dell’energia giornaliera viene perso a causa dell’effetto termogenico del cibo“, afferma il Prof. Martin Klingenspor.  Questa termogenesi postprandiale non deriva solo dalla generazione di calore dovuta all’attività muscolare nell’intestino, nella secrezione e nei processi digestivi. Esiste apparentemente anche una componente facoltativa a cui contribuisce il grasso bruno . Il prossimo passo degli esperimenti sarà ora scoprire se questa è energia che è semplicemente “persa” o se questo fenomeno ha un’altra funzione“Ora sappiamo che l’attivazione del tessuto adiposo bruno potrebbe essere legata alla sensazione di essere pieni”, riferisce Klingenspor. Ulteriori studi saranno ora condotti per dimostrarlo.

Fonte: Cell Metabolism