Come i grassi nella dieta influenzano la salute

Sources of omega 3 fatty acids: flaxseeds, avocado, salmon and walnuts

Il numero di questo mese del Journal of Lipid Research comprende studi che esaminano come i grassi nella dieta influenzano la salute, incluso se la dieta chetogenica è una terapia del cancro ragionevole; come il tipo di grassi insaturi nel cibo di un topo influenza l’infiammazione e come le cellule rispondono ai segnali dei nutrienti.

Quando si scambia lo zucchero per i chetoni non si cura il cancro

Al momento, ci sono 15 studi clinici che stanno reclutando pazienti oncologici per testare la dieta chetogenica come terapia. Questa dieta, ricca di grassi e molto povera di carboidrati, sembra indurre uno stato di digiuno senza il digiuno reale. Abbassa drasticamente la quantità di glucosio in circolazione e aumenta i corpi grassi chetonici. Il cambiamento nella fonte di energia si propone di tagliare l’approvvigionamento di zucchero alle cellule tumorali metabolicamente attive. Ma i risultati preclinici sono sorprendentemente mescolati. Un articolo pubblicato sul Journal of Lipid Research ha spiegato parte della variabilità osservata nei modelli di terapia chetogenica per il cancro. I ricercatori, guidati da Jie Zhang e Ping-Ping Jia dell’Ospedale Huai’an di Jiangsu, in Cina, hanno scoperto che alcuni tipi di cancro non rispondono bene alla dieta perché le loro cellule sono ben preparate a usare i corpi chetonici come fonte di energia invece del glucosio. I ricercatori hanno identificato quattro enzimi chetolitici chiave e hanno scoperto che quando le isoforme BDH1 e OXCT1 erano espresse a livelli elevati in una linea cellulare cancerogena, alimentando topi con un tumore di quelle cellule con una dieta chetogenica, quella dieta avrebbe di fatto accelerato la crescita del tumore. Al contrario, i topi i cui tumori avevano un’espressione inferiore degli enzimi hanno visto una crescita tumorale più lenta. Questa ricerca ha implicazioni importanti sulla scelta e sull’opportunità di raccomandare una dieta chetogenica a pazienti oncologici.

Il bilancio del grasso è importante per la salute 

I grassi polinsaturi sono i “grassi buoni” secondo riviste di dieta e sostenitori della vita sana. Ma alcuni grassi insaturi sono migliori di altri. In un recente studio sul Journal of Lipid Research, un team guidato da Rayane Ghandour presso l’Universite Cote d’Azur in Francia, in collaborazione con nutrizionisti provenienti dalla Germania, ha confrontato gli effetti delle diete integrate con due tipi di acidi grassi insaturi sulla formazione di tessuto adiposo marrone nei topi. Il grasso bruno riscalda il corpo e può dissipare l’energia in eccesso; la conversione del grasso corporeo bianco, che è metabolicamente inerte, in grasso bruno è un obiettivo ipotetico per il trattamento della perdita di peso. Ghandour ha testato l’effetto di integrare la dieta di un topo con acidi grassi essenziali omega-3, che sono abbondanti nei pesci o acidi grassi omega-6 che sono abbondanti in alcuni oli vegetali e soia. È noto che un’elevata assunzione di omega-6 è correlata con l’infiammazione, la ridotta formazione di grasso bruno e l’obesità. Sebbene entrambi i gruppi di topi mangiassero la stessa quantità di calorie e pesassero lo stesso, hanno risposto in modo diverso a un trattamento che stimolava la produzione di tessuto grasso bruno. I topi con alimentazione integrata con omega-3 hanno mostrato una perdita di peso leggermente maggiore e una migliore capacità di convertire gli adipociti bianchi in adipociti marroni quando stimolati rispetto ai topi con integrazione di omega-6. Solo un mediatore lipidico di infiammazione, la prostaglandina PGF2-alfa, era significativamente diversa tra i topi alimentati con le due diete. PGF2-alfa è costituito da un enzima di acidi grassi omega-6. I ricercatori hanno testato l’attività dell’enzima in cellule in coltura con omega-6 o nei due tipi di acidi grassi e hanno scoperto che l’omega-3 poteva competere con gli acidi grassi omega-6 per l’attività enzimatica. Questa ricerca fornisce un meccanismo per cui le diete ricche di acidi grassi omega-6 possono causare infiammazioni.

L’enzima lisosomiale svolge un ruolo complesso nel sensing dei nutrienti e nell’auto-digestione

Si ritiene che alti livelli di ceramide lipidica siano uno stimolo allo stress per l’autofagia. Quando l’enzima lisosomiale sfingomielinasi o ASM, che produce la ceramide demolendo un lipide più complesso, è sovraespressa, il processo di autodigestione è aumentato. Quindi ti aspetteresti che l’inibizione di ASM dovrebbe ridurre l’autofagia. Gli scienziati dell’Università dell’Indiana hanno scoperto, tuttavia, che non era così. In un recente studio sul Journal of Lipid Research, il team, guidato da Matthew Justice, ha scoperto che quando ASM veniva inibito, il complesso di rilevamento dei nutrienti lisosomiali si spegneva e iniziava la segnalazione di un fattore di trascrizione pro-autofagia. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che l’inibizione di ASM non ha abbassato i livelli del suo prodotto, la ceramide, come ci si aspetterebbe; invece, la produzione di ceramide è aumentata. I ricercatori hanno osservato una diminuzione del livello di un lipide correlato, la sfingosina. Hanno ipotizzato che questo potrebbe essere causato dalle interazioni tra ASM e un enzima che produce sfingosina. Tuttavia, i meccanismi con cui ASM influenza il sensing lisosomiale e il livello di sfingosina rimangono da determinare. Questa ricerca fa luce su come le cellule decidono se continuare a crescere o attivare i freni.

Fonte: Journal of Lipid Research