Come gestire il peso corporeo? Dimentica la dieta e mangia regolarmente

dieta_mela-600x400

La prima età adulta è particolarmente importante per ingrassare. Secondo un recente studio condotto presso l’Università di Helsinki, i fattori comuni tra le giovani donne e gli uomini che sono riusciti a gestire il loro peso corporeo a lungo termine includevano un’alimentazione regolare piuttosto che una dieta.

“Spesso le persone cercano di prevenire e gestire l’eccesso di peso e l’obesità mangiando e saltando i pasti, ma a lungo termine tali approcci sembrano accelerare l’acquisto di peso, diventando più grassi, piuttosto che prevenirlo”, afferma Ulla Kärkkäinen, ricercatrice e terapeuta nutrizionista l’Università di Helsinki. Lo studio sulla gestione del peso condotto presso l’Università di Helsinki è stato parte del vasto studio FinnTwin 16, con oltre 4.900 giovani uomini e donne come partecipanti. I soggetti dello studio hanno risposto a sondaggi che tracciavano i fattori che influivano sul peso e sul cambiamento di peso quando avevano 24 anni e di nuovo dieci anni dopo, a 34 anni. La maggior parte dei soggetti ha guadagnato peso durante il decennio intermedio. Solo il 7,5% delle donne e il 3,8% degli uomini hanno perso peso in quel periodo. Tra i 24 ed i 34 anni, il guadagno medio di peso nelle donne era di 0,9 kg all’anno, mentre negli uomini il guadagno corrispondente era di 1,0 kg. Oltre alle diete e alle abitudini alimentari irregolari, il rischio di ingrassare delle donne è aumentato con la nascita di due o più bambini, il consumo regolare di bevande zuccherate e la scarsa soddisfazione della vita. Negli uomini, il fattore aggiuntivo che aumenta il rischio di ingrassare è stato il fumo. I fattori che proteggono dall’aumento di peso sono stati l’attività fisica nelle donne, mentre negli uomini hanno avuto un peso maggiore all’inizio del periodo di studio.

FOCUS SULLA GESTIONE DEL PESO PRIMARIO

Nel nostro ambiente attuale, riuscire a gestire il peso a lungo termine è particolarmente difficile. Le conoscenze scientifiche acquisite finora sulla gestione del peso di successo si basano principalmente su studi in cui i soggetti hanno perso peso e hanno iniziato a gestirlo. “Per prevenire efficacemente l’aumento di peso, la comprensione dei fattori alla base della gestione del peso che precede il guadagno, o la gestione del peso primario, è della massima importanza”, osserva Kärkkäinen.

L’esercizio e le abitudini alimentari sane sono considerati i capisaldi della gestione del peso. Tuttavia, secondo questo studio della popolazione a lungo termine, ancora più essenziale per il successo della gestione del peso è astenersi dalla dieta e osservare abitudini alimentari regolari, sia nelle donne che negli uomini. I fattori alla base della gestione del peso di successo sembrano cambiare tra breve e lungo termine. Questi fattori sono anche parzialmente specifici per genere.

“In generale, le indicazioni sulla gestione del peso si riducono spesso a mangiare di meno e ad esercitare di più. In pratica, le persone sono incoraggiate a perdere peso, mentre i risultati del nostro ampio studio sulla popolazione indicano che perdere peso non è un metodo efficace di gestione del peso a lungo termine “, afferma Kärkkäinen.

” Secondo l’Istituto nazionale per la salute e il benessere, quasi un milione di finlandesi ogni anno, sono a dieta. Anche se la dieta può sembrare una soluzione logica ai problemi di gestione del peso, può effettivamente aumentare il peso guadagno e problemi alimentari a lungo termine”.

I risultati della ricerca dimostrano che invece di concentrarsi sulla perdita di peso, è più importante concentrarsi sul consumo di pasti regolari, prendersi cura del proprio benessere e trovare un senso più generale di significato nella vita. Pasti regolari e sufficienti supportano le funzioni biologiche naturali del corpo e aiutano a gestire le proprie abitudini alimentari e la gestione del peso a lungo termine. “I nostri risultati dimostrano che la gestione del peso trarrebbe beneficio da una maggiore attenzione alle differenze individuali, nonché dalla percezione dei fattori che influiscono sul benessere umano e sul senso della vita nella sua interezza come un insieme più ampio”, riassume Kärkkäinen. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista internazionale Eating Behaviors ed  è stato condotto dalla Prof-ssa associata Anna Keski-Rahkonen.

Fonte:  Eating Behaviors