Caffè di cicoria: i suoi poteri depuranti per l’organismo

Blue flowers and a cup of coffee on a wooden background

Il caffè di cicoria potrebbe diventare la vostra nuova alternativa al caffè classico o al decaffeinato. Sempre più apprezzato, viene comunemente usato anche al posto del ginseng. Ma per quale motivo? Da dove deriva il caffè di cicoria? Quali sono le sue proprietà?

Che cosa è il caffè di cicoriaChicory herbal drink and blue flowers on wooden table. Spoon with root powder. Top view

Come intuibile, il caffè di cicoria è una bevanda che viene ottenuta dalla lavorazione della radice di cicoria (Cichorium intybus), raccolta di norma in autunno e ripulita dalla terra, essiccata e infine tostata, per poi essere polverizzata. A sua volta la polvere così ottenuta è fatta bollire per qualche minuto e poi filtrata. Da qui si ricava una bevanda particolarmente salutare, con un gusto amaro, simile al comune caffè, ma con il beneficio non invidiabile di non contenere caffeina.

Le proprietà del caffè di cicoria

Il caffè di cicoria vanta numerose proprietà che la elevano a bevanda piuttosto salutare e consigliabile nei confronti di quelle persone che hanno problemi ad assumere l’ordinario caffè. Per quanto concerne i suoi benefici, la radice di cicoria da cui viene ottenuto questo caffè è ricca di elementi nutrienti e di sostanze benefiche come i polifenoli, gli acidi organici, l’inulina, la vitamina C, P e K e i sali minerali come il sodio, il potassio, il magnesio, il calcio, il ferro, il rame e il fosforo.Cup of tea with chicory on wooden background

Così facendo, il caffè di cicoria può vantare proprietà:

  • digestive: stimola la secrezione gastrica ed è dunque indicata subito dopo i pasti per poter migliorare la digestione;
  • depurative: le sostanze amare che sono contenute nella radice svolgono un’azione stimolante e disintossicante del fegato;
  • nutritive: la radice di cicoria contiene inulina, una fibra solubile che può migliorare la flora batterica intestinale;
  • lassative: stimola la secrezione di bile e ne favorisce l’afflusso dalla cistifellea verso l’intestino;
  • anti-diabetiche: merito dell’inulina, che ha un’azione regolatrice nei confronti della glicemia;
  • antiossidanti: ricca di polifenoli, sostanze con spiccata azione antiossidante.

Controindicazioni del caffè di cicoria

Il caffè di cicoria è generalmente ben tollerato, ma la sua assunzione dovrebbe essere evitata durante la gravidanza, visto e considerato che può stimolare le contrazioni uterine (la stessa regola vale d’altronde anche nei confronti della cicoria).

Come si prepara il caffè di cicoriaBlue chicory flowers next to a cup of hot drink

Preparare il caffè di cicoria è piuttosto semplice, soprattutto facendo un buon decotto. Se è questo il vostro caso, prendete un pentolino e versateci l’acqua e la cicoria tostata, quindi accendere il fuoco a fiamma bassa e attendere l’ebollizione. A questo punto la cottura dovrà proseguire per altri 2-3 minuti, superati i quali dovrete spegnere la fiamma e filtrare tutto con un colino. Il caffè di cicoria è ottimo se bevuto caldo, soprattutto al mattino per la colazione, o subito dopo i pasti come digestivo. Se si ritiene che il caffè di cicoria sia troppo amaro, è possibile scegliere di dolcificarlo con del miele, o con altri dolcificanti naturali come lo sciroppo d’acero o il succo d’agave. In alternativa si può ottenere un buon risultato anche con lo zucchero di barbabietola, senza però esagerare. È invece sconsigliabile procedere con l’assunzione del fruttosio, dell’aspartame, del destrosio o di altri dolcificanti di sintesi, che potrebbero essere nocivi per la salute. Molti sconsigliano anche l’estratto di stevia, che spesso viene combinato ad altri dolcificanti di sintesi, o al fruttosio. Se si preferisce utilizzare la stevia, meglio fruire delle foglie essiccate e non dell’estratto.

Se volete saperne di più, vi consigliamo di consultare il vostro medico di riferimento.

Fonte: inran.it