Cacao: i flavanoli aumentano l’ossigenazione del cervello

cioccolata-calda-cacao

Immagine: Cacao.Credit: Public Domain.

I flavanoli presenti nel cacao aumentano l’ossigenazione del cervello secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

“Il cervello di adulti sani si è ripreso più velocemente da una lieve sfida vascolare e ha mostrato risultati migliori su test complessi se i partecipanti hanno assunto in anticipo flavanoli dal cacao”, riferiscono i ricercatori.

Nello studio, 14 dei 18 partecipanti hanno visto questi miglioramenti dopo aver consumato cacao.

“Studi precedenti hanno dimostrato che mangiare cibi ricchi di flavanoli può giovare alla funzione vascolare, ma questo è il primo studio a trovare un effetto positivo sulla funzione vascolare cerebrale e sulle prestazioni cognitive in giovani adulti sani”, ha detto Catarina Rendeiro, ricercatrice e docente di scienze nutrizionali presso il Università di Birmingham che ha condotto la ricerca con i Professori di psicologia dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign Monica Fabiani e Gabriele Gratton.

“I flavanoli sono piccole molecole presenti in molti frutti e verdure e anche nel cacao”, ha spiegato Rendeiro. “Danno a frutta e verdura i loro colori vivaci e sono noti per favorire la funzione vascolare. Volevamo sapere se i flavanoli giovano anche al sistema vascolare cerebrale e se ciò potrebbe avere un impatto positivo sulla funzione cognitiva“.

Il team ha reclutato adulti non fumatori senza malattie cerebrali, cardiache, vascolari o respiratorie note, ragionando sul fatto che qualsiasi effetto osservato in questa popolazione fornirebbe una solida prova che i flavanoli alimentari possono migliorare la funzione cerebrale nelle persone sane.

Il team ha testato i 18 partecipanti prima della loro assunzione di flavanoli dal cacao e in due prove separate, una in cui i soggetti hanno ricevuto cacao ricco di flavanoli e un’altra durante la quale i partecipanti hanno consumato cacao trasformato con livelli molto bassi di flavanoli. Né i partecipanti né i ricercatori sapevano quale tipo di cacao era stato consumato in ciascuna delle prove. Questo progetto di studio in doppio cieco impedisce alle aspettative dei ricercatori o dei partecipanti di influenzare i risultati. Circa due ore dopo aver consumato il cacao, i partecipanti hanno respirato aria con il 5% di anidride carbonica, circa 100 volte la normale concentrazione nell’aria. “Questo è un metodo standard per sfidare la vascolarizzazione cerebrale per determinare quanto bene risponde”, ha detto Gratton. “Il corpo reagisce tipicamente aumentando il flusso sanguigno al cervello. Questo porta più ossigeno e consente al cervello di eliminare anche più anidride carbonica”, ha aggiunto.

Con la spettroscopia funzionale del vicino infrarosso, una tecnica che utilizza la luce per catturare i cambiamenti nel flusso sanguigno al cervello, il team ha misurato l’ossigenazione nella corteccia frontale, una regione del cervello che svolge un ruolo chiave nella pianificazione, nella regolazione del comportamento e nel processo decisionale.

“Questo consente di misurare quanto bene il cervello si difende dall’eccesso di anidride carbonica”, ha detto Fabiani.

I ricercatori hanno anche sfidato i partecipanti con compiti complessi che richiedevano loro di gestire richieste a volte contraddittorie o concorrenti.

I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte dei partecipanti ha avuto una risposta di ossigenazione cerebrale più forte e più veloce dopo l’esposizione ai flavanoli del cacao rispetto al basale o dopo aver consumato cacao privo di flavanoli.

I livelli di ossigenazione massima erano più di tre volte superiori nel gruppo che ha consumato cacao ad alto contenuto di flavanolo rispetto al gruppo del cacao a basso contenuto di flavanolo e la risposta di ossigenazione era di circa un minuto più veloce nel primo gruppo“, ha detto Rendeiro.

Dopo aver ingerito i flavanoli dal cacao, i partecipanti si sono comportati meglio anche nei test cognitivi più impegnativi, risolvendo correttamente i problemi l’11% più velocemente rispetto al basale o a quanti hanno consumato cacao con flavanoli ridotti. Tuttavia, non c’era alcuna differenza misurabile nelle prestazioni nelle attività più semplici.

Questo suggerisce che i flavanoli potrebbero essere utili solo durante i compiti cognitivi che sono più impegnativi“, ha detto Rendeiro.

I ricercatori hanno scoperto che i partecipanti variavano nelle loro risposte ai flavanoli del cacao.

“Sebbene la maggior parte delle persone abbia tratto beneficio dall’assunzione di flavanolo, c’era un piccolo gruppo che non lo ha fatto”, ha detto Rendeiro. Quattro dei 18 soggetti dello studio non avevano differenze significative nella risposta all’ossigenazione del cervello dopo aver consumato flavanoli, né le loro prestazioni nei test sono migliorate.

“Poiché questi quattro partecipanti avevano già le risposte di ossigenazione più elevate al basale, questo potrebbe indicare che coloro che sono già abbastanza in forma hanno poco margine di miglioramento”, ha detto Rendeiro. “Nel complesso, i risultati suggeriscono che i miglioramenti nell’attività vascolare dopo l’esposizione ai flavanoli sono collegati al miglioramento della funzione cognitiva”.

Fonte:Scientific Reports