Asparagi: caratteristiche, benefici per la salute ed effetti sulle urine

Che cosa sono gli asparagi e quali sono i numerosi vantaggi che possono conferire alla salute dell’organismo.asparagi-750x375

In antichità, l’asparago era rinomato per essere un potente afrodisiaco e… forse per una buona ragione. Questo succulento e saporito vegetale contiene infatti una miscela stimolante di sostanze nutritive che aiutano ad aumentare la propria energia, purificano il tratto urinario e neutralizzano l’eccesso di ammoniaca, che può causare affaticamento e disinteresse sessuale.

Vantaggi dell’asparago

 

Ricco di vitamina K e folati (vitamina B9), l’asparago è estremamente ben bilanciato, anche per le verdure ricche di sostanze nutritive. È inoltre ricco di nutrienti anti-infiammatori, e fornisce un’ampia varietà di antiossidanti, tra cui vitamina C, beta-carotene, vitamina E e minerali come zinco, manganese e selenio. Come se non bastasse, questo vegetale contiene l’aminoacido asparagina, che è importante per lo sviluppo e la funzione del cervello, stando a quanto ci ricorda uno studio medico pubblicato nel 2013 sulla rivista Neuron. Contiene anche del cromo, un minerale che aiuta l’insulina a fare al meglio il proprio lavoro trasportando il glucosio. È anche particolarmente ricco di glutatione, un composto disintossicante che può aiutare a distruggere i cancerogeni. Per questo motivo, gli asparagi possono aiutare a combattere o proteggere contro alcuni tipi di cancro, compresi i tumori ossei, mammari, polmonari e del colon.

Elementi nutrizionali dell’asparago

L’asparago è un vegetale con poche calorie (circa 20 per porzione), non ha grassi e ha un basso contenuto di sodio. Può essere consumato crudo o cotto. Tuttavia, i tempi di cottura sembrano influire sui benefici per la salute. Uno studio del 2011 pubblicato su Food Chemistry ha ad esempio esaminato la scottatura (cucinare brevemente gli asparagi in acqua bollente) e ha visto una marcata differenza a seconda di quanto a lungo fosse stato immerso il vegetale. In generale, più a lungo si sbollentavano gli asparagi, più sostanze nutritive si perdevano: inoltre, è emerso che la punta, la parte centrale e quella inferiore degli asparagi avevano sensibilità diverse ai tempi di sbollatura, con la punta che rischiava di perdere rapidamente i nutrienti. Pertanto, gli autori dello studio raccomandavano di scottare diversi segmenti di asparago per diverse lunghezze di tempo.

Di seguito, gli elementi nutrizionali per gli asparagi, secondo la Food and Drug Administration degli Stati Uniti, che regola l’etichettatura dei prodotti alimentari attraverso la National Labeling and Education Act, per una dose di 93 grammi:

  • Calorie: 20
  • Grasso totale 0 g 0%
  • Carboidrato totale 4 g 1%
  • Colesterolo 0mg 0%
  • Fibre 2g 8%
  • Zuccheri 0mg 0%
  • Potassio 230mg 7%
  • Vitamina A 10%
  • Vitamina C 15%
  • Ferro 2%

Salute del cuoreasparagi-e-salute-del-cuore

L’asparago fa bene al cuore in diversi modi. È estremamente ricco di vitamina K, che aiuta il coagulo di sangue, e l’alto livello di vitamine del gruppo B aiuta a regolare l’omocisteina dell’amminoacido, una quantità eccessiva del quale può essere un serio fattore di rischio nel cuore. Gli asparagi hanno anche più di 1 grammo di fibra solubile, che riduce il rischio di malattie cardiache, e l’aminoacido asparagina aiuta a depurare il corpo dal sale in eccesso. Infine, gli asparagi hanno eccellenti effetti anti-infiammatori e alti livelli di antiossidanti, che possono aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache.

Regolazione della glicemia

La vitamina B6 può influenzare i livelli di zucchero nel sangue, suggerendo cautela nelle persone che hanno diabete o poco zucchero nel sangue. Tuttavia, le persone con livelli sani possono trarre beneficio dalla capacità degli asparagi di regolarlo. Come per le malattie cardiache, il rischio di diabete di tipo 2 aumenta con l’eccessiva infiammazione e lo stress ossidativo. Pertanto, le notevoli proprietà antinfiammatorie e gli alti livelli di antiossidanti degli asparagi ne fanno un buon alimento preventivo. Uno studio del 2011 pubblicato sul British Journal of Nutrition ha anche suggerito che la capacità degli asparagi di migliorare la secrezione di insulina e migliorare la funzione delle cellule beta, aiutando anche a ridurre il rischio di diabete di tipo 2. Le cellule beta sono cellule uniche nel pancreas che producono, immagazzinano e rilasciano insulina.

Benefici anti-invecchiamentobenefici-anti-invecchiamento

Si ritiene che il glutatione antiossidante rallenti il ​​processo di invecchiamento, stando a quanto suggerito da un articolo del 1998 del giornale The Lancet. E il folato che gli asparagi sono in grado di fornire si integra con la vitamina B12 per prevenire il declino cognitivo. Uno studio della Tufts University ha rilevato che gli anziani con livelli sani di folati e B12 hanno ottenuto risultati migliori durante un test di velocità di risposta e flessibilità mentale rispetto a quelli con livelli più bassi di folati e B12.

Salute della pelle

Un’altra cosa sorprendente del glutatione antiossidante è che aiuta a proteggere la pelle dai danni del sole e dall’inquinamento. Uno studio del 2014 pubblicato su una rivista di dermatologia clinica, cosmetica e sperimentale ha analizzato donne adulte sane di età compresa tra 30 e 50 anni che hanno applicato una lozione di glutatione su metà dei loro volti e una lozione placebo sull’altra metà per 10 settimane. Ebbene, il lato trattato con il glutatione ha visto un aumento di umidità, soppressione della formazione delle rughe e pelle più liscia. Non è noto se mangiare cibi ricchi di glutatione come gli asparagi produca però un effetto simile.

Salute dei reni

Gli asparagi possono agire come un diuretico naturale, secondo quanto suggerisce uno studio del 2010 pubblicato nel West Indian Medical Journal. In altri termini, l’asparago può aiutare a liberare il corpo dall’eccesso di sale e liquidi, rendendolo particolarmente indicato per le persone che soffrono di edema e pressione alta. Aiuta anche a scovare le tossine nei reni e prevenire i calcoli renali. D’altra parte, il National Institutes of Health raccomanda che le persone che soffrono di calcoli renali di acido urico dovrebbero evitare il consumo di questo vegetale.

Asparagi in gravidanza

Grazie alla significativa quantità di folato degli asparagi, è importante che le donne in età fertile consumino frequentemente questo alimento. È noto che il folato può ridurre il rischio di difetti del tubo neurale nei feti, ed è quindi essenziale che le future mamme ne abbiano abbastanza.

Asparagi e digestione

L’asparago è noto per aiutare a stabilizzare la digestione a causa dell’elevata quantità di fibre e proteine ​​che contiene. Entrambi tali elementi aiutano a “spostare” il cibo attraverso l’intestino e forniscono sollievo durante la digestione.

Secondo l’Ohio State University, gli asparagi contengono inulina, una fibra alimentare unica associata a una migliore digestione. L’inulina è un prebiotico; non viene scomposto e digerito fino a quando non raggiunge l’intestino crasso. Lì, nutre batteri noti per migliorare l’assorbimento dei nutrienti, ridurre le allergie e ridurre il rischio di cancro al colon.

Salute del sistema immunitarioasparagi-e-salute-del-sistema-immunitario

Gli antiossidanti e gli antinfiammatori che si trovano in grandi quantità negli asparagi sono in genere associati a una riduzione del rischio di cancro. Una recensione del 2016 sulla rivista Nutrients ha affermato che i polisaccaridi (molecole di carboidrati) presenti negli asparagi hanno contribuito a inibire la proliferazione di cellule di cancro al fegato pericolose negli studi sugli animali. Quando iniettati con farmaci antitumorali direttamente nel tumore, gli scienziati hanno visto una crescita tumorale del fegato marcatamente soppressa e un prolungato tempo di sopravvivenza con poca tossicità. Un gruppo di fitonutrienti chiamati saponine si trovano in alta qualità in asparagi. Hanno componenti liposolubili e solubili in acqua: possono dunque influenzare il corpo in molti modi diversi da quelli di altri fitonutrienti. Sono noti per i loro effetti sulle membrane cellulari e sulla risposta immunitaria. Oggi sono stati condotti diversi studi sugli animali per saperne di più su come le saponine possono inibire la produzione di molecole infiammatorie e promuovere l’attività dei globuli bianchi. Uno di questi studi, pubblicato su Biomedicine and Pharmacology nel 2017, propone che le saponine degli asparagi possano essere un utile componente nella prevenzione della formazione di tumori secondari. Lo studio ha esaminato l’effetto delle saponine da asparagi iniettati nei topi per 56 giorni e ha visto un miglioramento dell’immunità cellulare senza le alte reazioni allergiche tipiche dei farmaci utilizzati per prevenire i tumori secondari.

Consumo eccessivo

Non esistono effetti collaterali che mettono in pericolo la salute umana nel mangiare troppi asparagi. Tuttavia, potrebbero esserci alcuni effetti collaterali sgradevoli come l’accumulo di gas e un odore evidente alle urine. È anche possibile avere un’allergia agli asparagi: come intuibile, in questo caso non bisognerebbe mangiare tale vegetale. Le persone che sono allergiche ad altri membri della stessa famiglia, come cipolle, aglio ed erba cipollina, hanno maggiori probabilità di essere allergiche anche agli asparagi. I sintomi sono facilmente riconoscibili e includono naso che cola, problemi di respirazione e gonfiore intorno alla bocca e alle labbra.

Perché gli asparagi danno un particolare odore all’urina?odore-degli-asparagi

Secondo la rivista Smithsonian, l’asparago è l’unico alimento che contiene acido asparagico chimico. Quando questa sostanza chimica viene digerita, si scompone in composti contenenti zolfo, che hanno un forte odore sgradevole. Sono anche volatili, il che significa che possono vaporizzare e entrare nell’aria e nel naso. Ad ogni modo, nel 2016, la rivista medica BMJ ha pubblicato uno studio in cui i ricercatori hanno esaminato i dati di The Nurses ‘Health Study, un’analisi su larga scala che aveva coinvolto quasi 7.000 partecipanti, per aiutare a determinare se esiste una base genetica per l’odore di acido asparagusico. Più della metà dei partecipanti non ha potuto annusarlo e i ricercatori hanno scoperto che le variazioni genetiche vicino ai geni del recettore olfattivo erano associate alla capacità di rilevare l’odore.

Ne deriva che non tutti possono in realtà sentire la “puzza” dell’urina dopo che si sono consumati asparagi.

Fonte: inran.it