Altre prove che i cibi fritti aumentano il rischio di malattie cardiache e ictus

moreevidence-768x461

Uno studio ha rivelato che mangiare cibi fritti aumenta il rischio di infarto e ictus. “E più cibi fritti mangi, maggiore è il tuo rischio”.

Secondo lo studio, le persone che mangiavano cibi fritti una o tre volte alla settimana avevano un rischio maggiore di infarto e ictus del 7% rispetto a quelle che mangiavano cibi fritti meno di una volta alla settimana. Per coloro che mangiavano cibi fritti ogni giorno, il rischio saliva al 14%.

La dietista  Dana Angelo White ha detto di non essere scioccata dai risultati, perché questo non è il primo studio a segnalare una connessione tra cibi fritti e cattive conseguenze per la salute.

“Mangiare piccole quantità di qualcosa fritta non è la fine del mondo, ma più  cibi fritti mangi, peggio è per te”, ha spiegato White, che non è stata coinvolta nello studio ed è Professore associato alla Quinnipiac University di Hamden, Connecticut.

La frittura di alimenti è un metodo di cottura comune negli Stati Uniti. Tuttavia, ricerche precedenti hanno collegato alimenti fritti a malattie croniche, come il diabete di tipo 2, insufficienza cardiaca, obesità e pressione alta. Uno studio pubblicato a gennaio ha riportato che le donne che hanno mangiato più di una porzione di cibo fritto a settimana hanno aumentato il rischio di malattie cardiache e morte prematura.

L’attuale studio, condotto da Jacqueline Honerlaw, dell’ U.S. Department of Veterans Affairs and the Massachusetts Veterans Epidemiology Research and Information Center, era ampio, ha arruolato circa 155.000 veterani militari. Erano per lo più uomini (90%) e la loro età media era di 64 anni.

Honerlaw e i suoi colleghi hanno chiesto ai partecipanti di indicare i cibi che hanno mangiato, compresi i cibi fritti. Poco meno della metà ha dichiarato di aver mangiato cibi fritti meno di una volta alla settimana. Circa un terzo aveva fritti da una a tre volte alla settimana. Solo un piccolo gruppo – circa il 5% – ha detto di aver mangiato cibi fritti ogni giorno.

Durante il follow-up dello studio di tre anni, quasi 6.800 persone hanno avuto una malattia cardiaca o un ictus.

La Dottoressa Eugenia Gianos che è Direttore della Women’s Heart Health al Lenox Hill Hospital di New York City, ha  detto che l’associazione tra cibi fritti e malattie cardiache e ictus “è stata maggiore nelle persone con il maggior consumo di cibi fritti, anche dopo aver tenuto conto di altri fattori come lo stile di vita e schemi alimentari”.

Gianos, che non aveva preso parte allo studio, dice che i risultati di questo studio sono limitati perché solo un piccolo numero di donne è stato incluso. Ma White ha sottolineato che le informazioni nutrizionali generalmente non differiscono tra maschi e femmine.

È anche importante notare che mentre lo studio ha trovato un collegamento tra cibi fritti e il rischio di malattie cardiache e ictus, non ha dimostrato un legame di causa-effetto.

I risultati dello studio sono stati pubblicati di recente sulla rivista Clinical Nutrition.

Fonte, Medicalxpress