Affrontare le idee sbagliate su latticini e obesità nei bambini e adolescenti

latte22308_62454821

 Immagine: Public Domain.

Nelle discussioni sul peso corporeo e sull’obesità, il latte e altri prodotti lattiero-caseari sono spesso presi di mira per il loro contenuto energetico e molti credono erroneamente che i latticini dovrebbero essere limitati per evitare l’aumento di peso.

 La meta-analisi e le revisioni esistenti hanno identificato associazioni protettive o neutre tra il consumo di latte e latticini e l’obesità infantile. Tuttavia, nonostante le prove, i consigli della sanità pubblica sul ruolo del latte e dei prodotti lattiero-caseari sulle strategie e sugli interventi di prevenzione dell’obesità sono spesso percepiti come poco chiari.

In questa revisione completa, i ricercatori Anestis Dougkas, Suzanne Barr, Sheela Reddy e Carolyn D. Summerbell, hanno riassunto gli studi epidemiologici e di intervento condotti negli ultimi 28 anni, che hanno riferito sul ruolo del consumo di latte e latticini sull’obesità e sugli indicatori di grasso corporeo nei bambini e negli adolescenti. I ricercatori hanno anche esaminato i possibili meccanismi fisiologici alla base dell’impatto del latte e dei latticini sul controllo del peso corporeo.

Negli studi epidemiologici, un consumo elevato rispetto a basso o nullo di latte e altri prodotti lattiero-caseari è stato costantemente riscontrato non associato, o inversamente associato, all’obesità e agli indicatori di adiposità nei bambini e negli adolescenti. Sebbene non ci siano dati comparativi sufficienti sulla relazione tra latticini interi e a ridotto contenuto di grassi e obesità, i risultati di questo studio suggeriscono che la sostituzione del latte intero con latte a ridotto contenuto di grassi non influenza le associazioni neutre con il peso corporeo nel tempo. Questi risultati sono stati rafforzati da studi di intervento dietetico controllati randomizzati, che rappresentano la più solida fonte di prove che i latticini, e principalmente il consumo di latte, hanno un effetto neutro sulla composizione corporea nei bambini e negli adolescenti. Però, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio il ruolo dei diversi tipi di latticini nell’obesità infantile. Esistono numerosi dati meccanicistici di supporto in base ai quali latte, latticini e calcio possono moderare l’assorbimento, la conservazione e l’utilizzo di grasso, l’appetito e l’attività metabolica del microbiota intestinale. In tutti i casi, è necessario ulteriore lavoro per confermare questi meccanismi.

Il latte e i prodotti lattiero-caseari (escluso il burro) sono ricchi di sostanze nutritive e contribuiscono in modo significativo all’assunzione di molti nutrienti nella dieta e sono i maggiori contributori di calcio, iodio e un certo numero di vitamine del gruppo B. Su questa base, i ricercatori concludono che ci sono prove limitate e non definitive a sostegno della preoccupazione di limitare il consumo di latte e prodotti lattiero-caseari da parte di bambini e adolescenti sulla base del fatto che possono promuovere l’obesità.

Fonte: British Journal of Nutrition