10 cibi anti età: il decalogo per mangiare sano e mantenersi giovani

slide_308893_2706793_free

 

la solita lotta ai radicali liberi. Ma d’estate è ancora più necessaria, se si vuole contrastare l’invecchiamento precoce della pelle. Restare giovani si può se innanzitutto ci si copre bene dall’effetto del sole, che da solo aumenta del 55 per cento la produzione dei radicali liberi. Via di crema solare allora, ma anche spazio a nuove abitudini alimentari: assumendo con maggior consapevolezza alimenti che sono già presenti sulle nostre tavole, si può fare molto per contrastare l’invecchiamento. A patto di non smettere una volta finita l’estate. Anche con la crema: anche in città, e non solo in spiaggia, i raggi del sole invecchiano la nostra pelle.

Intanto ecco cinque semplici regole per nutrirsi in maniera anti-age ogni giorno.

1. Spezzettare l’alimentazione in piccoli pasti: migliora l’equilibrio glicemico e l’assorbimento dei nutrienti.
2. Assumere carboidrati a basso indice glicemico, che aiutano a ridurre l’insulina e ad aumentare i livelli di glucagone (l’ormone coinvolto nel metabolismo degli zuccheri).

3. Privilegiare l’assunzione dei carboidrati nelle prime fasce orarie della giornata.

4. Aumentare l’apporto delle proteine magre e vegetali per favorire la produzione degli ormoni anti-invecchiamento, in particolare dell’ormone della crescita: meglio un pasto più fortemente proteico a cena
5. In ogni pasto far precedere l’assunzione delle proteine a quella dei carboidrati, in modo da massimizzare l’azione del glucagone.

Nella gallery invece, quello che non deve mai mancare in una alimentazione anti-age.

1.Acqua

Di qui non si scappa. L’acqua è di fondamentale importante anche quando si parla di lotta all’invecchiamento. Resta fermo il fabbisogno minimo giornaliero di 1300 – 2100 millilitri, ma bisogna ricordare che l’idratazione ottimale avviene quando si beve a piccoli sorsi durante la giornata. Per non interferire con i processi di termoregolazione è bene bere (anche quando fa caldo) acqua a temperatura ambiente. Secondo un’interessante ricerca inglese pubblicata su Human Brain Mapping, se a un’attività fisica intensa di 90 minuti non segue una corretta reidratazione, i tessuti cerebrali invecchiano di colpo di circa un anno.slide_308893_2706784_free

2,. Thè Matcha

Meglio del tè verde, il tè matcha è 137 volte più antiossidante. Si può bere ma anche mangiare. In Giappone viene venduta come un medicinale: lo si scioglie in una bottiglietta d’acqua un attimo prima di berlo (come un’aspirina effervescente o come una bustina di antinfiammatorio). È un tipo molto particolare di tè verde: è cresciuto più all’ombra e le foglie vengono cotte al vapore prima di essere essicate e ridotte in polvere.slide_308893_2706785_free

3. Vino rosso

Resveratrolo è il nome del potente antiossidante di cui è ricco il vino rosso. Nell’ottica antiage ha un ruolo importante perché contrasta la formazione della placca aterosclerotica. La dose esatta da introdurre con l’alimentazione per coprire il fabbisogno di resveratrolo è pari a 2 bicchieri di vino al giorno. Non tutti i vini sono uguali però: i polifenoli sono maggiormente presenti nei vini invecchiati, meno in quelli giovani e nei bianchi.slide_308893_2706786_free

4.Mirtilli

Secondo uno studio dell’American Hearth Association mangiare fragole e mirtilli ridurrebbe di un terzo la possibilità di contrarre malattie neurodegerative come l’Alzheimer. A beneficiarne sarebbero in particolare le donne. E prima si inizia con questa cura meglio è: si rinforza il sistema cardiovascolare.slide_308893_2706787_free

5.Limoni

Due ricercatori dell’università di Pisa, Vincenzo Calderone e Lara Testai hanno da poco scoperto che consumare regolarmente agrumi aiuta a proteggere la salute del cuore. Lo studio è stato pubblicato dalla rivista Biochemical Pharmacologye mette in evidenza come arance, limoni e pompelmi costituiscano una difesa naturale dalle malattie cardiache. Il merito è della naringenina, un flavonoide dalle già ben note proprietà antiossidanti.slide_308893_2706788_free

6.Carote

Vitamina A o betacarotene: la carota è un potente alleato per la salute della pelle. Ma non solo.Grazie all’alfa carotene, la carota allunga la vita. È un forte antiossidante, capace di eliminare i radicali liberi. Protegge il cuore e previene arteriosclerosi e invecchiamento.

slide_308893_2706789_free

7.Pomodori

Grazie al licopene, il pomodoro è un ottimo antiossidante. Combatte gli effetti dell’invecchiamento e di perdita di elasticità dei tessuti. Attenzione però: il licopene è contenuto nella buccia. Meglio allora non pelarloslide_308893_2706790_free

8.Spinaci e foglie varie

Alla fine aveva ragione braccio di ferro: gli spinaci sono un’arma vincente. In particolare rallentano i processi di invecchiamento cerebrale. In più la vitamina K contenuta in abbondanza negli spinaci ha un notevole pregio: quello di prevenire le malattie ossee come l’osteoporosi.

slide_308893_2706791_free

 

9.Cacao

Il cacao è ricco di sostanze con proprietà benefiche per il nostro organismo oltre ad avere proprietà antiossidanti legate al contenuto di polifenoli. Uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Cellular Biochemistry ha dimostrato che i polifenoli del cacao hanno un’azione neuroprotettiva che potrebbe renderli utili nel combattere le malattie neurodegenerative come l’Alzheimer.

slide_308893_2706792_free

 

10.Frutta secca

Ottima per uno spuntino, anche in spiaggia. In generale, tutta la frutta secca è preziosa grazie all’alto contenuto di antiossidanti e acidi grassi omega-3. Mangiando regolarmente, ma con moderazione frutta secca, si tengono lontani il malumore, i disturbi del sonno e, più in generale, l’irritabilità. Le noci sono quelle che contengono più sostanze benefiche.

 

Fonte: HuffingtonPost